Domenica è tempo di finali, il Minini conclude un'edizione da record

Si chiude nel pomeriggio di domenica 22 dicembre, con la disputa degli incontri di finale dei due singolari, l’edizione numero 22 del Memorial Giorgio Minini – Open nazionale di Tennis di Chatillon.

22 dicembre 2019

Ad aprire la giornata conclusiva, dalle ore 14, il singolare femminile che vede opposte Stefania Chieppa, esperta giocatrice dello Sporting La Stampa che ha sfruttato al meglio il forfait della TS2 Anna Remondina, guadagnandosi la finale opposta alla giovane russa Maria Marfutina, tesserata in Italia per il CT Saluzzo, e TS3 del tabellone.

A seguire, sempre sul centrale ora sulla nuova superficie in resina, scenderanno in campo i due ultimi protagonisti del singolare maschile; il 21enne di Lugano Remy Bertola e il più vincente della storia del Memorial Giorgio Minini, Alessandro Bega, capace di portare a casa il trofeo destinato al vincitore in quattro edizioni.

Questi due accoppiamenti, protagonisti delle partite che assegnano i titoli 2019, per la sua 22esima edizione, giungono in virtù dei risultati maturati sabato nei match di semifinale. A fare da prestigioso prologo, ad aprire la penultima giornata di confronti, è stato il confronto di finale del tabellone del doppio maschile dove Andrea Vavassori, forte del suo valore e della sua classifica internazionale (130 ATP di doppio), in coppia con Luca Tomasetto si sono imposti su Federico Marchetti e Davide Della Tommasina con i parziali di 6/3, 6/2, dando vita ad un bel match, intenso, dove a fare la differenza sono stati un break nel primo set e due nel secondo. (nella foto la premiazione)

I due match del singolare femminile di semifinale, sono stati a senso unico, mai in discussione. Fuori, senza appelli, anche la TS1 del torneo, la 29enne Federica Di Sarra che opposta alla russa, classe 1997, Maria Marfutina (2.3) ha alzato bandiera bianca portando a casa due soli game, con un doppio 6/1 ai suoi danni che risulta eloquente della differenza dei valori in campo sabato. Analoga situazione nel secondo confronto, dove Stefania Chieppa (2.3), classe 1983, ha dominato il confronto imponendosi con un doppio 6/1 su Beatrice Ottone (2.4), classe 2000, del Sport Club Nuova Casale.

Meno di un’ora in campo per aggiudicarsi la finale per il 28enne Alessandro Bega, TS1 e già vincitore di quattro edizioni del torneo valdostano. Opposto a Marco Brugnerotto, il lombardo di Cernusco sul Naviglio dopo essersi portato a casa il primo set 6/2 è andato in doccia dopo due soli game del secondo parziale, sul 2/0 a causa del ritiro dell’avversario varesino a causa di un problema alla schiena. Più tirata l’altra semifinale, tra l’azzurro che si è trasferito negli States per il suo percorso universitario, Andrea Bolla e lo svizzero del Canton Ticino Remy Bertola. A guadagnarsi la finale è stato il rossocrociato, dopo 2 ore di una sfida intensa e tirata che si è conclusa a suo favore con un doppio 6/4.

Il programma della domenica di incontri prevede anche la finale del tabellone di 4a categoria tra Roberto Mistretta (4.1) del CT St-Christophe, che sabato ha vinto 6/4, 6/0 la sua semifinale contro Luca Machina, e si giocherà il successo tra i Quarta giocando la finale contro Matteo Gallino (4.1) del TC Aosta.

Risultati incontri sabato 21 dicembre
Doppio Maschile – Finale - Andrea Vavassori - Luca Tomasetto vincono su Federico Marchetti – Davide Della Tommasina 6/3, 6/2.

Singolare Femminile – Semifinale Stefania Chieppa vince su Beatrice Ottone 6/1, 6/1 Maria Martufina vince contro Federica Di Sarra 6/1, 6/1.

Singolare Maschile – Semifinale Remy Bertola vince contro Andrea Bolla vince 6/4, 6/4 Alessandro Bega vince contro Marco Brugnerotto 6/2, 2/0 rit.

Semifinale 4a categoria maschile Roberto Mistretta vince su Luca Machina 6/4, 6/0.

PROGRAMMA INCONTRI DOMENICA 22 DICEMBRE – FINALI
Campo centrale
Ore 14:00 Finale Open Femminile Maria Marfutina Vs Stefania Chieppa
a seguire Finale Open Maschile Alessandro Bega Vs Remy Bertola
Campo 1
Ore 15:00 Finale tabellone 4a Categoria Roberto Mistretta Vs Matteo Gallino

 

Comunicato stampa

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi