Memorial Minini, al via il week-end decisivo

Sotto l’albero del torneo Minini ci sono una serie di prestigiosi pacchi, molto interessanti per gli appassionati di tennis, ma anche per chi vuole gustare lo sport nella sua eccezione più fulgida.

21 dicembre 2019

Palle di servizio micidiali, scagliate oltre i 200 km/h, scambi intensissimi e prolungati, colpi millimetrici ad incrociare le righe. Di fatto lo sport proposto al meglio, che ad un passo dal Natale si traduce in un “grande pacco regalo con un enorme fiocco”. Spettacolo puro, vero, bello.

Venerdì 20 dicembre si sono giocate otto partite dell’open a cui si sono aggiunti la finale del tabellone di Quarta categoria femminile, di Terza categoria maschile e la prima delle due semifinali di Quarta categoria maschile. Tutti in due set si sono chiusi i tre confronti del tabellone femminile. La 22enne russa Maria Marfutina (2.3), TS5, ha superato 6/2, 6/1 Giulia Gabba (2.3), classe 1987, già vincitrice del Minini del 2010 e 2012. Nella parte bassa del tabellone, Stefania Chieppa (2.3), classe 1983, TS3 ha conquistato la semifinale imponendosi 6/3, 6/3 su Enola Chiesa (2.4), classe 2000. Avanti anche la romana, TS1, e favorita del torneo Federica Di Sarra (2.1), vincitrice del Minini del 2017, classe 1990, capace di imporsi 6/4, 6/2 su Chiara Giaquinta (2.4), classe 1999.

Quattro i match del singolare maschile. Ha destato impressione il 21enne Andrea Bolla (2.4) che dopo aver superato il giorno prima la TS2 Andrea Vavassori, venerdì ha liquidato in due set, 6/2, 6/0 un’altra testa di serie, la 7, Luca Tomasetto (2.3). In due set si è anche disimpegnato Alessandro Bega (2.1), TS1 e il più titolato del Minini con i suoi quattro successi, in un'ora vincente su Federico Marchetti (2.3) 6/3. 6/1. Più tirati gli altri due match. Il 23enne Marco Brugnerotto (2.2), TS4, ha dovuto ricorrere al terzo set per avere la meglio 6/2, 3/6, 6/3 su Andrea Turco (2.4) anche lui classe 1996. Match fiume, che ha sfiorato le tre ore, quello tra i due rossocrociati, il 30enne Riccardo Maiga (2.4) e il 21enne Remy Bertola (2.2); a vincere è stato il secondo che ha conquistato la semifinale imponendosi 4/6, 6/4 7/5.

Per Remy Bertola oltre alla fatica dei quarti di finale del singolare si è aggiunta la semifinale del doppio maschile che l’ha tenuto in campo per altri 90 minuti assieme al compagno Nicolò Crespi. Alla fine non è stata vittoria dopo un altro tirato match dove ad imporsi, ricorrendo due volte al tie-break, sono stati 7/6, 7/6 Andrea Vavassori e Luca Tomasetto.

A completamento della giornata di incontri, venerdì si è giocata la finale del tabellone di Quarta categoria femminile, con vittoria di Roberta Bencardino (4NC) del CT St-Christophe 6/2, 6/0 su Valeria Zardo (4.4) del TC Chatillon St-Vincent. Per la finale di Terza categoria maschile successo in tre set, 6/7, 7/5, 6/2 a favore di Enrico Zeverini (3.3) del TC Aosta su Alessandro Finelli (3.3) del TC Chatillon St-Vincent. Giocata anche la prima semifinale del tabellone di Quarta categoria dove Matteo Gallino (4.1) del TC Aosta ha vinto 6/1 7/6 su Andrea Pettenon (4.3) del TC Chatillon St-Vincent.

Sabato 21 dicembre è la volta delle semifinali dei due tabelloni di singolare e della finale del doppio maschile. Due match mattutini e tre pomeridiani, tutti in programma sul campo centrale dell’impianto sportivo di Chatillon. Si parte già alle 9,30, con la finale di doppio con Andrea Vavassori e Luca Tomasetto, teste di serie numero 1, il primo numero 130 delle liste mondiali ATP di doppio che sfideranno Federico Marchetti e Davide Della Tommasina, teste di serie numero 3.
Alle ore 11 la prima delle due semifinali di singolare femminile, quella della parte bassa del tabellone, orfana del forfait per infortunio della TS2 Anna Remondina. Opposte ci sono le outsider Stefania Chieppa (2.3), classe 1983 dello Sporting Torino e Beatrice Ottone (2.4), classe 2000, del club Nuova
Casale.

Alle ore 14, parte la prima delle semifinali del singolare maschile, con la sfida tra Andrea Bolla (2.4), classe 1997, trasferitosi negli Usa per studio e lo svizzero di Lugano Remy Bertola (2.2), classe 1998. A seguire, indicativamente alle 15,30, la “finale anticipata” del singolare femminile con opposte, per la seconda semifinale, Federica Di Sarra (2.1), classe 1990 testa di serie numero 1 del torneo femminile, numero 417 della classifica mondiale WTA e la russa Maria Marfutina (2.3), classe 1997, TS3 e tesserata in Italia per il CT Saluzzo e attuale 650 del ranking mondiale. La quarta semifinale è prevista intorno alle ore 17, a conclusione del secondo match del pomeriggio, tra Alessandro Bega (2.1) classe 1991 e testa di serie numero 1, unico tennista capace di infilare quattro vittorie nell’open Minini di Chatillon, e Marco Brugnerotto (2.2), classe 1996 e TS4 del tabellone. A completare il programma di incontri, alle ore 16 sul campo 2, si gioca la semifinale del tabellone di quarta categoria maschile tra Luca Machina (4.1) del TC Chatillon St-Vincent e Roberto Mistretta (4.1) del CT Saint-Christophe.

Risultati incontri venerdì 20 dicembre
Singolare Femminile – quarti di finale - Maria Martufina vince contro Giulia Gabba 62, 61; Federica Di Sarra vince contro Enola Chiesa 63, 63

Singolare Maschile – quarti di finale – Andrea Bolla vince contro Luca Tomasetto 62, 60; Remy Bertola vince contro Riccardo Maiga 46, 64, 75; Alessandro Bega vince contro Federico Marchetti 63, 61; Marco Brugnerotto vince contro Andrea Turco 62, 36, 63

Doppio Maschile – semifinale - Andrea Vavassori - Luca Tomasetto vincono contro Remy Bertola - Nicolo' Crespi 76, 76

Finale 4a categoria femminile – Roberta Bencardino vince su Valeria Zardo 62, 60 (la premiazione nella foto)
Finale 3a categoria maschile – Enrico Zeverini vince su Alessandro Finelli 67, 75, 62
Semifinale 4a categoria maschile – Matteo Gallino vince su Andrea Pettenon 61, 76

 

Comunicato stampa

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi