La quarta in serie A2: Jack Oradini trascina Lecco al successo con il Ct Trento

Il 29enne roveretano è il grande protagonista sui campi di Arco, i trentini costretti a cedere nei doppi, ma quanti rimpianti per Boluda e Prader

di Luca Avancini | 28 ottobre 2019

Diavolo di un Oradini. Appena sente aria di Ct Trento riesce sempre a trasformarsi. E a giocare pure un brutto scherzo all’amico Stefano Sembenotti che probabilmente assaporava già un nuovo risultato positivo. Sarebbe stato il terzo di fila, al cospetto del Lecco capolista del girone, e invece no, ci pensa il buon vecchio Jack a tenere in piedi le ambizioni dei lombardi, strappando con le unghie e con i denti un punto pesantissimo in singolare a un ottimo, ma incompiuto Eugenio Candioli, con l’esperienza e l’intelligenza tattica che servono quando devi gestire quella stretta angosciosa che è pur sempre un tie-break. Oradini ne vince due, tre se contiamo anche il doppio, tutti decisivi, trovando nel momento più caldo istinto e lucidità per spegnere il 23enne di Ala. Non bastasse fa sentire tutto il suo peso nel doppio contro Boluda e Prader, al fianco di un Martini uscito tramortito in singolare dall’intensità asfissiante dello scatenato bolzanino. E’ proprio il 29enne roveretano a tenere in piedi il compagno, a reagire con il servizio e la risposta nel passaggio cruciale del super tie-break, quando Boluda e Prader si arrampicano sul 5-3, prima di cedere di schianto. Vince Lecco all’ultimo respiro un confronto equilibrato che nei singolari aveva seguito l’andamento previsto, lasciando però ben viva nei padroni di casa, guidati in panchina da Gianluca Gatto e Sasha Rampazzo, la sensazione dell’occasione mancata. Trentini aggrappati alle straordinarie qualità agonistiche del tennista di Barbiano e del tennista iberico, quest'ultimo schierato a sorpresa dal presidente Sembenotti, ma rigenerati anche dalle prestazioni all'altezza di Candioli ed Endrizzi. Prader imperversa per un set con il lecchese Ottaviano Martini, un 2.3 classe 1997 che avrebbe forza e tenacia da opporre all’altoatesino, non la stessa profondità e pesantezza di palla però. Martini può rialzare la testa e guadagnare qualche centimetro di campo solo quando Prader allenta per un attimo la morsa da fondo, riesce anche ad allungare il match al terzo, ma è uno sforzo pagato caro in termini di dispendio di energie, e il bolzanino torna padrone assoluto nella frazione decisiva. I padroni di casa pregustano la possibilità di portarsi sul 2-0, speranza alimentata dalla prova confortante e finalmente convincente di Michelangelo Endrizzi che ritrova le geometrie dei bei tempi, non la costanza tuttavia che servirebbe per girare definitivamente dalla sua parte la sfida con il veterano Jonata Vitari classe 1978, uno, detto per inciso, abituato a non mollare mai, è riuscito ad agguantare il primo punto Atp della sua carriera a 37 anni suonati nel Futures di Milano 3, battendo al primo turno Francesco Borgo. Grinta e determinazione fanno la differenza al terzo set e Vitari spinge gli ospiti sul pari dopo due ore e un minuto di battaglia. Boluda riporta avanti il Ct Trento spazzando via le difese del 30enne 2.2 Lorenzo Frigerio, 627 al mondo, unico imbattuto sinora del team lariano. Poi Oradini rimette le cosa a posto per i suoi. I doppi non sorridono al Trento, come detto, Lecco strappa un successo fondamentale per allungare decisamente il passo in classifica nel girone 3, il Ctt invece scivola al penultimo posto. E venerdì c’è una sfida da non sbagliare, quella con il Bassano di Fioravanzo e Moretto. Pure loro vecchi amici di piazza Venezia. Guai a fidarsi però. 

 

Serie A2 maschile - Risultati della quarta giornata

CT TRENTO MEDIOLANUM - TC LECCO 2-4 

Boluda (T) b. Frigerio 6-0 6-1, Prader (T) b. Martini 6-2 4-6 6-0, Vitari (L) b. Endrizzi 6-1 2-6 6-3, Oradini (L) b. Candioli 7-6(4) 4-6 7-6(2), Frigerio-Pozzi (L) b. Candioli-Endrizzi 6-2 6-0, Martini-Oradini (L) Boluda-Prader 4-6 6-4 10-7

 

CT BRINDISI-SC VILLA YORK ROMA 2-4

Darderi (V) b. Brigida 6-3 6-1, Ortenzi (V) b. Giangrande 6-3 6-1, Ivanov (B) b. Makk 4-6 7-5 7-6(4), Procopio (B) b. Privato 6-2 6-2, Darderi-Privato (V) b. Brigida-Ivanov 6-0 4-6 10-6, Makk-Ortenzi (V) b. Giangrande-Procopio 6-1 6-4

 

CT PALERMO-ST BASSANO 3-3

Giacalone (P) b. Salviato 6-3 6-1, Fortuna (P) b. Sardella 6-3 6-0, Gomez (P) b. Gabrielli 6-3 6-2, Dal Zotto (B) b. Piraino 6-3 6-4, Dal Zotto-Sardella (B) b. Giacalone-Gomez 0-6 6-3 11-9, Gabrielli-Salviato (B) b. Fortuna-Trapani 6-4 6-2

 

Ha riposato: JUNIOR TENNIS PERUGIA

 

La Classifica (tra parentesi partite giocate): Tc Lecco (4) punti 8, Ct Palermo (4) punti 7, Junior Tennis Perugia (3) e Villa York Roma (3) punti 5, St Bassano (3) punti 3, Ct Trento Mediolanum (4) punti 2, Ct Brindisi (3) punti 0.

Prossimo turno (venerdì 1 novembre): St Bassano-Ct Trento Mediolanum; Junior Tennis Perugia-Ct Brindisi; Tc Lecco-Villa York Roma; riposa: Ct Palermo

 

GLI AVVERSARI - Venerdì 1 novembre è in programma la trasferta sui campi del Società Tennis Bassano del 2.2 Tommaso Gabrieli e del 2.3 Francesco Salviato, quindi, dopo il turno di riposo la sfida casalinga con il Ct Brindisi, avversario alla portata, ma da non sottovalutare, visto che può contare sul 28enne 2.2 polacco Maciej Zbigniew Rajski, sul 2.3 estone 2.3 Vladimir Ivanov e sui 2.4 Omar Brigida e Matteo Giangrande. 

 

IL CALENDARIO - Fase a gironi: 6, 13, 20, 27 ottobre; 1, 3, 17 novembre; Fase a tabellone: play out e play off: 24 novembre; 1-8 dicembre. L'orario di inizio degli incontri è fissato per le ore 10,00.

 

Domenica 6 ottobre - Ct Palermo - Ct Trento Mediolanum 4-2

Domenica 13 ottobre - Ct Trento Mediolanum - Junior Tennis Perugia 3-3

Domenica 20 ottobre - Villa York Sporting Club - Ct Trento Mediolanum 2-4

Domenica 27 ottobre - Ct Trento Mediolanum - Tennis Club Lecco

Venerdì 1 novembre - St Bassano - Ct Trento Mediolanum 

Domenica 3 novembre - riposo 

Domenica 10 novembre - Ct Trento Mediolanum - Ct Brindisi

 

REGOLAMENTO -Alla serie A2 maschile sono state iscritte 28 squadre divise in quattro gironi da sette squadre ciascuno. Le prime classificate di ogni girone, disputano un incontro con formula andata e ritorno per la promozione in A1 contro le vincenti tra le seconde e le terze classificate*. Le quarte classificate giocano contro le quinte per la permanenza in serie A2* le perdenti di questo incontro giocano contro le seste classificate del girone, con formula andata e ritorno per determinare la permanenza in serie A2*. Le settime classificate retrocedono direttamente alla serie inferiore. I tabelloni si concludono con le promozioni e le retrocessioni, senza disputa di ulteriori incontri.


 

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi