Circuito Slam, il Master delle conferme

Il Padel Club Milano ha ospitato l'epilogo del circuito 2019 con molti big protagonisti agli Europei di Roma. I titoli sono andati alle coppie campioni d'Italia (outdoor): Bruno/Mezzetti, nel maschile, e nel femminile a Pappacena/Sussarello, alla terza vittoria nel Master

26 novembre 2019

Le dolci note dei trionfi romani sono riecheggiate anche nelle gabbie del Padel Club Milano, teatro nel quarto fine settimana di novembre del Master del Circuito Slam 2019. Era il gran finale della principale manifestazioni itinerante italiana di padel che si era articolata da marzo a ottobre in sei tappe lungo tutta la Penisola e in campo ci sono andati molti dei big protagonisti delle medaglie azzurre agli Europei di Roma.

Due i titoli che hanno confermato i verdetti dei Campioni italiani assoluti (outdoor) di quest'estate: i maestri stagionali sono Michele Bruno e Luca Mezzetti; tra le donne, Chiara Pappacena e Giulia Sussarello.

 

LA RIVINCITA DI BRUNO E MEZZETTI
Michele Bruno e Luca Mezzetti hanno capito sin dal delicato esordio nel round robin (due gironi per un totale di sette coppie) contro Marco Cassetta e Simone Licciardi che il cammino verso il titolo non sarebbe stato facile.

La sconfitta contro Marcelo Capitani (il selezionatore della nazionale italiana giovanile) e Nicolò Cotto ha poi costretto i futuri vincitori a incrociare in semifinale i loro principali rivali, Simone Cremona e Daniele Cattaneo, vincitori nel 2018 e dominatori dell'altro girone.

La sfida si è snodata sul filo del totale equilibrio ed è stata decisa da una manciata di punti che hanno condotto Bruno/Mezzetti in finale, dove hanno avuto modo di prendersi la loro rivincita proprio su Capitani e Cotto.

Anche l'ultimo atto ha visto le due coppie lottare ad armi pari, almeno sino al tie-break del primo set: Bruno/Mezzetti lo hanno acciuffato al quarto tentativo (8-6) e sono poi subito scappati via nella seconda partita, mettendo un'ipoteca su incontro e titolo che avrebbero festeggiato poco dopo.

 

IL TRIS DI CHIARA PAPPACENA E GIULIA SUSSARELLO
Il Master Slam rappresenta un torneo particolare per Chiara Pappacena e Giulia Sussarello.

La loro partnership era cominciata proprio nel gran finale dell'edizione del 2017 (il Master si tenne all'inizio dell'anno successivo).

Poi è arrivato il titolo del 2018. Nel 2019 il tris e questa volta Pappacena/Sussarello hanno davvero lasciato meno delle briciole (sei giochi in tre partite) alle avversarie: Martina Camorani e Lucia Cortimiglia, Emily Stellato ed Erika Zanchetta e, nella sfida decisiva, Carolina Orsi e Valentina Tommasi.

NIRDACI: “DA QUI PARTONO I RISULTATI DELL'ITALPADEL”
Il bilancio finale del Circuito Slam 2019 nelle parole di Gianfranco Nirdaci, presidente del Comitato FIT per il Padel: “Il Circuito Slam è un patrimonio di cui la Federazione Italiana Tennis è molto orgogliosa – esordisce –. Quest'anno sono stati molteplici gli sponsor che hanno richiesto di essere presenti nelle tappe e al Master”.

“Ugualmente numerosi - prosegue Nirdaci - sono stati i circoli che hanno fatto richiesta per ospitare i vari appuntamenti Slam. A questo proposito desidero ringraziare di cuore quei club che li hanno organizzati, perché lo hanno fatto talmente bene che ho ricevuto feedback di reale e sincero apprezzamento".

"Il circuito ha inoltre svolto una funzione determinante per i grandi risultati dalle nostre nazionali ai recenti Europei di Roma - prosegue - perché proprio durante le varie tappe Slam sono stati ‘scelti’ gli azzurri e i nostri selezionatori sono stati davvero bravi. A titolo esemplificativo cito Michele Bruno, vincitore del Master e dell'oro con la squadra maschile".

"Ma tutti gli atleti, davvero tutti, sono stati eccezionali: si sono impegnati tutto l'anno, dimostrando di voler bene all'intero movimento e alla nazionale. Il circuito Slam funziona – conclude – ma è ancora giovane e in piena evoluzione, quindi può essere migliorato. Abbiamo notato che servono alcuni piccoli cambiamenti mirati e abbiamo già alcune idee in proposito di cui discuteremo con tutti gli addetti ai lavori”.

 

I RISULTATI
DOPPIO MASCHILE

Girone A
Daniele Cattaneo / Simone Cremona b. Mauricio Lopez Algarra / Stefano Pupillo 6-1 6-2.
Emanuele Fanti / Alessandro Tinti b. Mauricio Lopez Algarra / Stefano Pupillo 7-5 3-6 6-4.
Daniele Cattaneo / Simone Cremona b. Emanuele Fanti / Alessandro Tinti 6-0 6-0.
Classifica: 1° Daniele Cattaneo / Simone Cremona, 2° Emanuele Fanti / Alessandro Tinti, 3° Mauricio Lopez Algarra / Stefano Pupillo.

Girone B
Marcelo Capitani / Nicolò Cotto b. Saverio Palmieri / Lorenzo Rossi 6-4 6-3.
Michele Bruno / Luca Mezzetti b. Marco Cassetta / Simone Licciardi 7-5 6-3.
Marco Cassetta / Simone Licciardi b. Saverio Palmieri / Lorenzo Rossi 6-4 6-4.
Marcelo Capitani / Nicolò Cotto b. Michele Bruno / Luca Mezzetti 6-4 6-4.
Michele Bruno / Luca Mezzetti b. Saverio Palmieri / Lorenzo Rossi 6-4 6-1.
Marcelo Capitani / Nicolò Cotto b. Marco Cassetta / Simone Licciardi 6-3 4-6 6-3.
Classifica: 1° Marcelo Capitani / Nicolò Cotto, 2° Michele Bruno / Luca Mezzetti, 3° Marco Cassetta / Simone Licciardi, 4° Saverio Palmieri / Lorenzo Rossi.

Semifinali
Michele Bruno / Luca Mezzetti b. Daniele Cattaneo / Simone Cremona 7-6 7-6.
Marcelo Capitani / Nicolò Cotto b. Emanuele Fanti / Alessandro Tinti 6-1 6-4.

Finale
Michele Bruno / Luca Mezzetti b. Marcelo Capitani / Nicolò Cotto 7-6 6-3.

DOPPIO FEMMINILE
Girone unico
Chiara Pappacena / Giulia Sussarello b. Martina Camorani / Lucia Cortimiglia 6-0 6-2.
Carolina Orsi / Valentina Tommasi b. Emily Stellato / Erika Zanchetta 6-4 1-6 6-0.
Chiara Pappacena / Giulia Sussarello b. Emily Stellato / Erika Zanchetta 6-0 6-1.
Carolina Orsi / Valentina Tommasi b. Martina Camorani / Lucia Cortimiglia 6-2 6-3.
Chiara Pappacena / Giulia Sussarello b. Carolina Orsi / Valentina Tommasi 6-1 6-2.
Emily Stellato / Erika Zanchetta b. Martina Camorani / Lucia Cortimiglia 6-4 2-6 6-3.
Classifica: 1° Chiara Pappacena / Giulia Sussarello, 2° Carolina Orsi / Valentina Tommasi, 3° Emily Stellato / Erika Zanchetta, 4° Martina Camorani / Lucia Cortimiglia.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi