Anche un po’ di Liguria agli Oscar di SuperTennis Awards

La nostra regione ha, infatti, avuto l’onore di essere premiata, grazie a due delle tante eccellenze di cui il nostro movimento può vantarsi.

di Enrico Casareto | 23 dicembre 2019

Anche la Liguria fra gli Oscar della racchetta. In occasione della notte degli Oscar di SuperTennis Awards, organizzata nell’elegante cornice della Nuvola Lavazza di Torino,  la nostra regione ha infatti avuto l’onore di essere premiata, grazie a due delle tante eccellenze di cui il nostro movimento può vantarsi.

AON Challenger Memorial Messina il miglior Challenger italiano

Andrea Fossati, nostro Presidente di Comitato, ha ritirato il premio assegnato all’AON Challenger Memorial Giorgio Messina, giudicato miglior Challenger italiano del 2019. Dieci giocatori in tabellone fra i primi 100 della classifica Atp, 185.000 dollari di montepremi, oltre 22.000 spettatori sugli spalti nell’arco della settimana di gioco, per questi motivi : il torneo di Valletta Cambiaso  è stato nuovamente premiato, come nel 2018, confermandosi il più importante  in Italia grazie anche alle capacità organizzative che gli hanno permesso di fronteggiare una eccezionale ondata di maltempo.

Il nostro Challenger ha quindi conquistato l’ennesimo riconoscimento, non dimentichiamo che nel 2014 fu premiato a Londra durante il Master, come Best World Challenger, in chiusura dell’anno che ha tenuto a battesimo la sua edizione numero diciassette.

La serata di Torino

E a proposito di Master c’è stato spazio naturalmente anche per ricordare che tra meno di due anni, dal 2021 e fino al 2025, Torino vedrà sfilare le stelle mondiali del tennis con la prima edizione italiana delle Atp Finals.

La serata dedicata all’annata d’oro del tennis azzurro, con protagonisti principali naturalmente Matteo Berrettini e Yannick Sinner, è stata introdotta da “Oh happy days” cantata dal coro gospel Golden Guys, e non poteva esserci motivo musicale più adeguato per celebrare i tanti giorni felici vissuti nel 2019 dal nostro ricordati da Max Giusti, che ha supportato con la consueta ironia i due presentatori Giorgio Spalluto ed Elena Ramognino.

Molto toccante è stato il caloroso applauso riservato dagli invitati in sala alla grande Francesca Schiavone, non intervenuta alla serata di Torino,  per la sua vittoria più grande dopo sette mesi di battaglia contro il male.

Lorenzo Musetti miglior Next Gen

Ma torniamo alla Liguria, perché oltre all’AON Challenger Memorial Giorgio Messina, la prestigiosa statuetta di Supertennis è stata consegnata anche a Lorenzo Musetti, giovane alfiere del Park Genova in serie A1, premiato da Filippo Volandri come migliore Next Gen maschio.  Vale la pena ricordare che Lorenzo nel 2019 ha conquistato il titolo degli Australian Open under 18 a soli 16 anni, primo azzurrino a compiere una simile impresa. E, tre mesi dopo averne compiuti 17, ha raggiunto il n.1 della classifica Itf Juniores, dimostrando poi di essere uno dei più brillanti talenti emergenti anche al di fuori delle categorie giovanili. Tra i nati nel 2002 è il n.1 del mondo assoluto, attualmente posizionato al numero 362 della classifica  Atp.

La notte degli Oscar di SuperTennis cala idealmente il sipario su un’altra stagione da incorniciare per il tennis italiano e per quello ligure. E siamo sicuri che nel 2020 verranno assegnati altri importanti Oscar al termine di un altro anno di successi.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi