Serie A1 New Torre del Greco

Raul Brancaccio stella internazionale

29 ottobre 2019

Al New Torre del Greco è arrivato lui, Raul Brancaccio, faccia d'angelo e tennis di livello alto. E' il torrese doc, in piena attività internazionale Atp tra la Spagna, dove si allena allì'Accademia di David Ferrer, e l'Italia. E' la stella, il punto di forza, uno degli artefici della conquista della serie A1 del New Torre del Greco nel 2018. Uno stakanovista del tennis, con ambizioni, forza d'animo e grande umiltà. Domenica scorsa nella seconda giornata è arrivato, ha vinto il suo singolare di A1 ed è ripartito. Con lui in squadra i corallini sono davvero al massimo, anche perché Raul unisce il gruppo, carica l'ambiente ed è difficilissimo da battere. Nella scorsa stagione, per esempio, quella della clamorosa promozione in A1, Raul ha giocato in singolare tre volte e vinto sempre. Come domenica scorsa all'esordio (3-3) in Lombardia, con il quarto successo in singolare dal 2018 a oggi. In pratica un punto di forza imprescindibile.
Raul Brancaccio fa salti mortali per giocare i campionati a squadre, vista l'intensa attività internazionale che lo vede impegnato dodici mesi l'anno. Fin qui, e non è finita, ha già disputato oltre 30 tornei Atp in stagione e in carriera vanta 5 vittorie ITF, tra cui quella del 2018, dal grande significato affettivo, il torneo ITF del Vomero a Napoli, nella sua Campania. E un anno fa ha sfiorato l'ingresso tra i magnifici otto del Next Gen di Milano. Insomma, Raul è un punto di forza: ha sangue napoletano, anzi vesuviano, e tanta esperienza spagnola. Crede nel suo futuro professionistico, è nei top 300 del mondo Atp (270 best ranking) ed ha solo 22 anni. Insomma, una vita d'avanti. Intanto, spinge il Torre del Greco verso vette insperate. E fin qui in A1 i corallini sono secondi e in piena lotta per i playoff scudetto. Con lui in squadra, tutto può accadere.
"Peccato solo per il pari con Massa Lombarda, dovevamo e potevamo vincere, ma nei doppi non siamo stati incisivi come nei singolari. Io comunque penso che il Torre del Greco sia un gruppo fantastico e questa è una nostra forza - ha spiegato Raul -; già domenica con il Park Genova, la squadra più forte dell'A1, faremo vedere che siamo lì con gli alti grandi club e che ce la giochiamo. Se torneremo imbattuti dalla Liguria il nostro campionato può davvero decollare".

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi