Scudetto in doppio per Francesca De Matteo

Semifinale per Francesca De Matteo in singolare

di Maria Grazia Ciotola | 18 settembre 2019

Due titoli italiani in doppio e due semifinali tricolori in singolare, tra il 2018 (undici anni) e il 2019 (dodici anni). Francesca De Matteo tiene alto il nome della Campania giovanile, dopo le grandi stagioni di scudetti giovanili di Federica Sacco (cinque tra il 2013 e il 2017). La napoletana del 2007 sta vivendo una stagione di grande valore, culminata con lo scudetto tricolore di doppio nella mitica Coppa Lambertenghi di Milano; una stagione che non è finita ancora, visto che c’è il Master Next Gen nazionale da disputare a Milano (già qualificata) e alcuni appuntamenti giovanili internazionali di categoria (tra cui Bari). Chicca in questa stagione da secondo anno under 12 ha festeggiato tra l’altro la convocazione in Nazionale in Winter Cup e in Nations Cup, con 18 presenze in azzurro collezionate tra singolo e doppio, vinto il Tennis Europe di Maglie (finalista in doppio), collezionando una trentina di match internazionali giocati, di grande importanza nel suo cammino di crescita. Ha iniziato a giocare a 5 anni, spinta dalla passione del papà tennista Pierfrancesco De Matteo e di mamma Paola Capolupo, e con lei il piccolo Federico, fratello minore del 2009, già impegnato nell’attività under 10 di buon libello. Dal 2012 è al lavoro con il maestro Peppe Fusco dell’AS Duemila di Napoli, poi con Carlo Rombolà tra Tennis Capodimonte e Tennis Pozzuoli, da qualche mese è passata all’Accademia Tennis Napoli, dove si allena ed è seguita da Gianmarco Cacace, con la supervisione del tecnico nazionale Aldo Russo. E’ tesserata per il  TC Genazzano dell’esperto maestro Silvano Papi (tesserata con la compagna di doppio, di Nazionale e rivale di doppio Greta Petrillo), che frequenta un paio di weekend al mese.  I genitori di Chicca fanno tanti sacrifici per offrirle il meglio e Francesca li ripaga con passione e grande voglia di sacrificio. In una stagione così intensa, la baby napoletana non ha trascurato la scuola (ora è in terza media alla Nicolardi) e ha dato il massimo per il Team della propria regione in Coppa Belardinelli. Allenamenti, passione per il tennis e dedizione: dopo un 2019 da 10 in pagella, ora la Chicca del tennis campano è attesa al primo anno under 14 per confermare quanto di buono fatto fino ad ora. Senza fretta e senza pressione; il segreto per la biondina dalla faccia simpatica e l’espressione sveglia, e per tutte quelle come lei, è la passione e il piacere di giocare a tennis.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi