A Marzia Maffei la tappa cosentina del circuito femminile

Sui campi del Tc Cosenza, vittoria a sorpresa per la Maffei, che riesce a superare tutte le favorite

22 dicembre 2019

E’ stato un fine settimana di tennis intenso, pieno di incontri e di sorprese quello vissuto al Tennis Club Cosenza, che ha ospitato la seconda tappa del Circuito femminile, organizzato dal Comitato regionale Calabro della FIT.

Tanti i match che hanno visto in campo giocatrici di quarta categoria impegnate in un torneo con formula Rodeo. Come già accennato non sono mancate le sorprese; già nei quarti di finale la prima testa di serie, Ludovica Maria Vivacqua, ha ceduto il passo a Marzia Maffei con uno score eloquente: 4-2, 4-1. Ma la Maffei non si è fermata qui: in semifinale, infatti, non ha fatto sconti nemmeno a Giulia Caraffa, numero 4 del seeding, superata sempre in due set e sempre con identici parziali: 4-2, 4-1.

Dalla parte bassa del tabellone, invece, in semifinale si sono affrontate la testa di serie numero due, Larysa Mavrenkova, e Giorgia Caligiuri. A staccare il pass per la finale è stata la Mavrenkova con una vittoria in due set, 4-2, 4-2.

Ma se tutti i match giocati nel torneo fino alla finale (eccezion fatta che per uno di primo turno) si sono conclusi in due set, la partita che ha assegnato il titolo è stata decisamente equilibrata e decisa, praticamente, da un solo punto. Buon inizio della Mavrenkova, che si impone nel primo set 4-2; nella seconda partita è arrivata, però, la reazione della Maffei che ha portato il match al terzo imponendosi anch’essa con il parziale di 4-2. Il tie-break a 10, che sostituisce il terzo set, ha visto un sostanziale equilibrio, ma l’allungo giusto è stato quello della Maffei, che ha chiuso 10-8. Dunque vittoria a sorpresa per la giocatrice 4-3 che, dai quarti di finale, è stata capace di far fuori la prima, la seconda e la quarta testa di serie.

Cala il sipario, quindi, sulla tappa cosentina, ma il circuito prosegue con nuovi tornei, che ci accompagneranno fino al Master che si giocherà in aprile.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi