Sinner nella storia, vince gli Next Gen Finals

Jannik Sinner entra nella storia. Sabato sera il 18enne fenomeno altoatesino ha spazzato via nella finale delle Next Gen ATP Finals l’australiano Alex De Minaur (ATP 18) in tre set per 4-2, 4-1, 4-2, conquistando così il suo primo titolo ATP in carriera.

di Manuel Tabarelli | 09 novembre 2019

Quella in programma di oggi all’esauritissima Allianz Cloud di Milano non era soltanto la finale della terza edizione delle Next Gen ATP Finals di Milano, è anche una tappa di un romanzo che comincia in Lombardia, dove Sinner conquista il suo primo titolo nel tour maggiore. Stasera si sono affrontati il favorito della vigilia, l’australiano Alex De Minaur, e Sinner, che nel giro di quattro giorni ha conquistato tutti gli appassionati italiani dando spettacolo in ogni uscita. Battuto in rimonta Frances Tiafoe, dominato Mikael Ymer, l’azzurrino si è trovato in difficoltà solo contro il francese Ugo Humbert, perdendo una partita che però non gli ha impedito di approdare tra i primi quattro. E in semifinale ha compiuto l’ennesimo capolavoro, eliminando senza problemi il numero 60 del mondo Miomir Kecmanovic. 

Contro De Minaur, Sinner era partito da sfavorito, seppur non di molto. Perché l’australiano, finalista già dodici mesi fa, era ancora imbattuto in questa settimana a Milano. Ma l’altoatesino ha giocato nuovamente una partita fenomenale. Nel game d’apertura Sinner ha dovuto subito annullare due palle break, subito dopo non è invece riuscite a trasformare due break point per il possibile 2-0. La svolta è arrivata al quinto game, dove Sinner ha dimostrato ancora una volta tutta la sua classe, strappando il turno di battuta a De Minaur a zero per il 4-2. 

Il pusterese ha dominato l’incontro, scappando nel secondo parziale subito sul 3-0. Nel quinto gioco Sinner ha chiuso il set sul 4-1. L’Allianz Cloud si alza in piede per il fenomeno altoatesino, che stava giocando un tennis fenomenale. De Minaur, uno dei tennisti più forti nel circuito, non ha trovato risposte contro questo Sinner. Nel terzo set il beniamino locale ha sfruttato un altro break point per il 2-1. Dopo 64 minuti Sinner ha chiuso il match sul 4-2. Tutto il Palalido si alza in piedi, è nato un nuovo fenomeno, si chiama Jannik Sinner.

“Non ho parole. Ho pensato al mio gioco, provando a fare meno errori gratuiti. È stata una settimana incredibile, sono contentissimo”, queste le parole della stella altoatesina. Il torneo di Sinner non era solo sportivamente un incredibile successo, ma anche dal punto di vista economico. Sinner si porta a casa la bellezza di ben 372.000 dollari di montepremi, pari a quasi 338.000 euro.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi