-

Forte dei Marmi prenota un 2020 da urlo

Il TC Italia dopo aver fallito l'obiettivo play off ed aver raggiunto una salvezza tribolata, punterà al riscatto nella prossima A1. E sarà protagonista anche con le ragazze in A2

di Vezio Trifoni | 14 dicembre 2019

Il Tc Italia di Forte dei Marmi conquista la salvezza dopo un anno tribolato ed ora punta a un 2020 con una squadra maschile ancora più forte e soprattutto quella femminile che giocherà la serie A2. "È stata una bellissima domenica di sport - spiega il capitano del Tennis Italia Matteo Marrai - e non potrebbe essere altrimenti", per il successo (4-2) sul Vomero Napoli nel ritorno del play-out valso la permanenza in Serie A1, incrocio nel quale si sono rivelati decisivi i due doppi, con Travaglia e Furlanetto da una parte e Trusendi e Mancini dall'altra vittoriosi contro i rispettivi avversari, rompendo così un equilibrio che perdurava sin dall'andata. Domenica, Marrai ha riproposto la stessa formazione che era stata sconfitta a Siracusa, una sconfitta deleteria nell'ottica della qualificazione alle semifinali play-off, obiettivo (minimo) stagionale sfumato proprio all'ultima giornata della fase a gironi. E così contro il Vomero Napoli dopo il 3-3 dell'andata sono stati schierati Travaglia, Furlanetto, Mancini, Cervantes (solo in singolare), Trusendi (in doppio). "La decisione l'abbiamo presa domenica mattina. Sono abituato a parlare con i giocatori ed ascoltarli, alla fine in campo ci vanno loro. Mancini stava bene e si sentiva in fiducia. Non mi stupisce il suo exploit in doppio", commenta Marrai, costantemente coadiuvato dal team manager Giuseppe Polacci. La soddisfazione per la salvezza si mescola all'amarezza per il mancato accesso ai play-off, che a giudizio del capitano erano alla portata. "Ogni circolo attraversa cicli differenti tra loro. Sul nostro campionato, più che il ko di Siracusa, influiscono quelli delle prime due giornate: sia in casa con Crema, sia a Sassuolo ci siamo presentati in condizioni di emergenza totale". Impossibile dargli torto: nella prima era stato lui stesso a giocare, da numero 2, nella seconda era stato inserito in lista Matteo Donati nonostante fosse ancora infortunato. "Sarebbe bastato vincere anche solo uno dei due confronti per imporci nel girone. Quando abbiamo avuto a disposizione almeno uno tra Sonego e Travaglia si è visto quanto fossimo competitivi. A Siracusa poteva starci di perdere, ma la qualificazione non è sfuggita quella domenica"

QUANTI BIG NELLE DUE SQUADRE

Chi mantiene serenità e tranquillità per il futuro è Sergio Marrai, deus ex machina del club. "Nessuna rivoluzione all'orizzonte nell'organico, anzi: sono destinati a rimanere i due top 100, sia Lorenzo Sonego che Stefano Travaglia. Si sono trovati benissimo con noi e ci hanno dato una grande mano, dimostrandosi grandi professionisti affrontando ogni match con il massimo impegno - continua Marrai - Ovviamente, anche nel 2020 la loro disponibilità sarà legata alla partecipazione (o meno) ai vari tornei in giro per il mondo programmati in contemporaneità con la Serie A1. Il tempo per pensarci, di certo, non mancherà. In formazione abbiamo anche un certo Jannik Sinner che lo scorso anno non era ancora pronto e quest'anno sappiamo tutti cosa ha fatto e quali sono i suoi progressi. Accanto al team maschile verrà affiancato anche quello femminile che è salito in A2 grazie a Jasmine Paolini che a fine anno sarà la numero uno in Italia del tennis rosa e alle nostre ragazze Clarissa Gai, Francesca Petracchi, Marta Poletti e Altea Ricci oltre a Jelena Simic e Valentina Del Marco". Un circolo che guarda al futuro. "La nostra scuola è sempre all'avanguardia e nell'ottica di dare sempre più servizi abbiamo inserito anche il padel - illustra Marrai - perchè accanto al campionato a squadre dove vengono tanti appassionati forniamo tanti servizi durante i mesi estivi con tornei e manifestazioni e c'è la possibilità di incontrare amici del mondo dello spettacolo che ci vengono a trovare, come l'amico Andrea Bocelli, Paolo Brosio e tanti altri con un unico aspetto in comune la passione per il tennis".

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi