-

Il passato è... passato: Reggio Emilia torna a sognare l’A1

Nel 2018 hanno visto sfumare la Serie A1 al doppio di spareggio, ma al Circolo Tennis Reggio Emilia non si sono dati per vinti. Anzi, quest'anno hanno ricominciato subito col piede giusto e con un vivaio tutto nuovo, per inseguire di nuovo il sogno promozione

18 ottobre 2019

Il progetto Serie A1 del Circolo Tennis Reggio Emilia è ufficialmente ripartito. Nel 2018 era franato nella maniera più amara, con una sconfitta per 10-8 al long tie-break del doppio di spareggio col Ct Bologna, ma dopo quasi 12 mesi passati a leccarsi le ferite, ora è tempo di guardare avanti, con una nuova occasione a portata di mano. Per arrivare di nuovo alla finale dei play-off la strada è ancora lunga, ma nel frattempo l’avvio in Serie A2 è stato convincente, con un successo casalingo per 4-2 contro il Tc Siracusa.

La formazione capitanata dai maestri Alessandro Tosi e Renato Medioli, che alla prima giornata aveva osservato un turno di riposo, è l’unica fra le otto squadre di A1 e A2 dell’Emilia Romagna a essere partita in quarta anche grazie alla giornata d’oro di Gian Luca Beghi e Andrea Guerrieri. Il primo ha vinto un singolare preziosissimo contro il rumeno Vasile Antonescu, mentre il talento di casa l’ha spuntata in tre set su Alessio Di Mauro, che avrà anche 42 anni ma che è pur sempre stato numero 68 Atp, e fino al 2013 vinceva ancora titoli a livello Challenger nel circuito Atp.

Segno che la squadra emiliana ha ancora le carte in regola per inseguire l’obiettivo promozione, con un vivaio tutto nuovo che punta ancor di più sui giovani. Nella prima giornata i ruoli di numero 3 e numero 4 della formazione sono toccati a Filippo Iotti e Riccardo Bartoli, col secondo – addirittura under 16 - protagonista di un bel successo al debutto. Ma la lista dei pretendenti ai due posti riservati agli elementi della 'cantera' è lunga e lascia ben sperare. Sia per il traguardo da inseguire nel 2019 che per gli anni a venire.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi