-

Tricolore a Vigevano? Ecco perché si può

A trent’anni dall’ultima volta, una formazione lombarda torna vicinissima al tricolore maschile di Serie A1. È lo Sporting Club Selva Alta, che fino a qui non ha sbagliato una mossa. In semifinale ha battuto al fotofinish il Park Genova al doppio di spareggio e sul veloce indoor di Lucca adesso parte favorita contro il CTV Messina

05 dicembre 2019

L’ultimo titolo lombardo nella Serie A1 maschile è datato addirittura 1989, esattamente trent’anni fa. Un’attesa lunghissima che allo Sporting Club Selva Alta hanno deciso di provare a interrompere, costruendo una squadra in grado di andare fino in fondo. L’obiettivo della vigilia ha preso forma settimana dopo settimana, raccogliendo una conferma dopo l’altra, fino alla vittoria del girone e la qualificazione per le semifinali, seguita dall’impresa contro il Park Tennis di Genova. Un trionfo costruito a Vigevano e ultimato nella Città della Lanterna, con un successo al cardiopalma al long tie-break del doppio di spareggio, dopo che i liguri avevano restituito ai pavesi il 4-2 dell’andata.

Quando nella bolgia del Campo 6 genovese ci sono stati due match-point sulle racchette di Mager e Giannessi, il sogno degli ospiti sembrava al capolinea. Invece, nella fase cruciale, Filippo Baldi e Antoine Hoang hanno confezionato il miracolo, cancellandoli entrambi e conquistando il 5-7 6-2 11/9 che li ha portati in finale. Giusto che a firmarlo siano stati loro: il talento che a Vigevano è nato e cresciuto, tanto da poter giocare come elemento del vivaio, e l’innesto arrivato proprio per puntare allo scudetto. Una scelta azzeccata, visto che il 24enne francese, n.117 Atp, si è ambientato subito alla grande e in semifinale ha vinto due incontri fondamentali, battendo due volte un signor giocatore come Pablo Andujar.

Ma il merito del traguardo raggiunto è anche di altri quattro lombardi: Roberto Marcora che a Genova ha superato Simone Bolelli, Alessandro Bega e i “vivaio” Davide Dadda e Simone Camposeo. Ora l’appuntamento passa al PalaTagliate di Lucca: la finale maschile è in programma fra sabato 7 e domenica 8 dicembre, e vedrà i lombardi contendersi il titolo con un’altra debuttante, il CTV Messina. Un team a forte trazione siciliana, con Salvatore Caruso, Gianluca Naso e i giovani fratelli Tabacco, Fausto (classe 2002) e Giorgio (2003), più l’argentino Trungelliti e lo spagnolo Lopez Perez. Insieme hanno già fatto miracoli, ma lontani dalla terra battuta sembrano fare meno paura. Sul veloce indoor di Lucca l’Sc Selva Alta può sognare per davvero.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi