-

Giraudo: "Onorato di essere capitano di Atp Cup"

Dopo la sconfitta contro la Russia, si punta al riscatto con la Norvegia: "Sono fiducioso, c'è un buon clima"

di Luca Urru | 04 gennaio 2020

“È stata una sorpresa essere nominato, mi ha fatto piacere che Fabio ci abbia tenuto a mettere me come capitano. Quando è stato ufficializzato ammetto che è stata un’emozione pazzesca. Per quanto sia un test, un evento nuovo, sei comunque il capitano della Nazionale italiana“. Alberto Giraudo, capitano della Nazionale Italiana all’ATP Cup 2020, si racconta così ai microfoni di Sportface nel day-after dell’esordio degli azzurri contro la Russia.
“Ieri soprattutto all’inizio ero un po’ agitato ed emozionato – ha rivelato Giraudo – E nonostante il risultato penso che sia stata una giornata positiva. Peccato per Travaglia, ma ho visto un ottimo livello e questo mi fa ben sperare per le partite successive. Fognini, nonostante fossimo arrivati il 2 sera all’una, non pensavo che facesse un match del genere. Ha avuto occasioni per avvicinarsi alla vittoria, poi qualche chiusura di punto sbagliata e qualche dritto di troppo ha fatto la differenza. Ma contando il viaggio ha fatto una partita straordinaria. Poi era un po’ stanco e ho fatto giocare il doppio a Lorenzi con Bolelli“.

Partenza in salita, dunque, per l’Italia che ha perso tutti i tre match a propria disposizione con Travaglia e Fognini nel singolo e Lorenzi/Bolelli nel doppio. Ora servirà certamente una reazione: “È difficile perché avendo perso 3-0 bisognerà far bene domani e contro l’America. Sono fiducioso, li vedo tutti bene, nel senso che c’è un buon clima. Speriamo domani di partire subito bene con Travaglia e portare a casa questa partita per andare poi a giocarcela contro l’America”, ha chiosato Giraudo.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi