-

Fed Cup 2020: azzurre nel girone in Estonia, ecco le sei rivali

Resa nota dalla Federazione Internazionale la composizione dei due raggruppamenti in programma dal 3 al 9 febbraio: le azzurre a Tallinn insieme ad Ucraina, Croazia, Austria, Estonia, Bulgaria e Grecia. Le prime due classificate di ciascuna pool (l’altra con 6 squadre in Lussemburgo) accedono ai play-off di aprile

22 ottobre 2019

Sono Ucraina, Croazia, Austria, Estonia, Bulgaria e Grecia le avversarie dell’Italia nel Gruppo I zona Europa/Africa di Fed Cup 2020. E’ questo l’esito del pre-sorteggio effettuato dalla Federazione Internazionale Tennis per suddividere le 13 nazioni partecipanti nei due raggruppamenti previsti, con formula all’italiana.

La squadra azzurra capitanata da Tathiana Garbin è stata inserita nella Pool B, che si disputerà a Tallinn, capitale dell’Estonia, nella settimana dal 3 al 9 febbraio sui campi del Tallink Tennis Center (cemento indoor la superficie), mentre in contemporanea in Lussemburgo, al Centre National de Tennis di Esch/Alzette, saranno impegnate Serbia, Polonia, Svezia, Turchia, Lussemburgo e Slovenia.

Per determinare la composizione dei due raggruppamenti – spiega la ITF - si è tenuto conto delle posizioni nel ranking per nazioni del 22 aprile scorso. Questo, in dettaglio, l’ordine di piazzamento (tra parentesi) riferito alle tredici formazioni:
Serbia (21);
Ucraina (23)
Italia (24)
Polonia (26)
Croazia (28)
Svezia (29)
Estonia (37)
Turchia (38)
Austria (39)
Bulgaria (41)
Grecia (43)
Lussemburgo (44)
Slovenia (51)

Sulla base del rinnovato format della Fed Cup le prime due classificate di ciascun raggruppamento del Gruppo I zona Europa/Africa (come due dalla zona Asia/Oceania e altrettante dalle Americhe) accederanno ai play-off, in calendario nel mese di aprile, con in palio un posto nei Preliminari della Fed Cup 2021 (a febbraio), chiamati a designare le formazioni protagoniste poi in aprile delle Finali alla Laszlo Papp Sports Arena di Budapest, sede del momento clou della competizione fino al 2022.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi