-

Lemon Bowl: Castracani, italiana d'America, punta al titolo

Camilla, nata a Pavia nel 2010 e ora negli States dove lavorano i genitori, di slancio nelle semifinali under 10. Tra gli under 12 Spircu elimina il n.1 Paolini, al penultimo atto anche i laziali Rapagnetta, De Marchi, Monteverde, Petrillo e Molaro

04 gennaio 2020

Ne resterà solo uno, per categoria. Si delinea il quadro delle semifinali del Lemon Bowl 2020, dopo che sabato 4 gennaio a Roma sono andati in scena i quarti di finale maschili e femminili under 10, 12 e 14. Tra talenti provenienti dall’estero e piccoli campioni azzurri, i campi in terra rossa del New Penta 2000 si confermano anche quest’anno palcoscenico di partite mozzafiato davanti al pubblico delle grandi occasioni.

Castracani: “Sogno gli US Open” – Nazionalità americana, sangue italiano: Camilla Castracani è la protagonista assoluta del tabellone under 10 femminile, in cui sin qui ha dominato senza appello. 6-2 6-1 al primo turno, 6-1 6-2 al secondo e 6-0 6-2 ai quarti: quella della classe 2010 nata a Pavia, per ora, è una marcia trionfale. “Io e mio marito siamo italiani – racconta mamma Alessia – ma lavoriamo all’estero da anni. Siamo stati in Sudamerica, in Canada, dove Camilla iniziò a giocare a tennis, e ora negli Stati Uniti. Il primo maestro di Camilla, quando aveva 5 anni, fu Zdenek Bukal, molto bravo e preciso. Disse che aveva qualità e noi ci fidammo, anche perché io sono un’ex giocatrice di volley e il papà di golf. Siamo due ingegneri sportivi, ma tutt’altro che tennisti”.
Poi, 3 mesi fa, il trasloco negli States ancora per motivi di lavoro: “Ora Camilla gioca alla Magic Lincer Tennis Academy. Si trova bene, è la più piccolina e quindi viene coccolata da tutti. Perché il Lemon Bowl? Siamo tornati in Italia per le vacanze e lei ha chiesto a Babbo Natale il Lemon Bowl”. E quando a Camilla, il cui idolo è Roger Federer, viene chiesto quale torneo sogna di vincere da grande, non ha alcun dubbio: “Sogno gli US Open. Il cemento è la mia superficie preferita”.

Rapagnetta: “Sto giocando bene, avanti così”

Percorso netto sin qui anche quello di Daniele Rapagnetta. La testa di serie numero 1 del tabellone under 14 maschile ha lasciato per strada 6 game in 3 partite, evidenziando uno stato di forma invidiabile: “Ho giocato bene tutti i match disputati al Lemon Bowl, sono molto contento”. Da settembre il romano classe 2006 si allena al Forum Sport Center, nell’accademia dei fratelli Piccari: “Parlo molto con i miei nuovi allenatori. Tra noi c’è dialogo continuo e ciò mi aiuta tanto. In questo periodo sto lavorando, dal punto di vista tattico, sulla costruzione del punto affinché mi possa girare di diritto con facilità. Obiettivo 2020? Vorrei solo giocare bene, i risultati saranno una conseguenza”. 

Presente al Lemon Bowl, dunque, coach Francesco Piccari:A livello tattico sto cercando di dare a Daniele un ordine ed un’identità precisa. Lui è bravo a fare tutto, io dal canto mio sto cercando di farlo lavorare soprattutto sul diritto: gli chiedo spesso di girarsi e di usare questo colpo nonostante non sia il suo preferito. Dove può arrivare Daniele? Non lo so, è un momento cruciale della sua crescita in quanto lui, essendo di dicembre, attualmente affronta ragazzi più grandi. Fisicamente non è molto prestante, deve accettare questa situazione e farla diventare un punto di forza”.

Avanti in tre set Monteverde e Spircu

Match of the day quello che ha visto prevalere la romana Flavia Monteverde (CT La Signoretta) ai danni di Annathea Sara con il punteggio di 6-4 1-6 7-5. Nella stessa categoria, under 14 femminile, avanti anche Francesca De Matteo, Greta Petrillo e Beatrice Zucca. Nel maschile prosegue il cammino di Andrea De Marchi (Junior Palocco), giustiziere in due set del libanese William Jade. Comodi i successi di Marzia Pieragostini, Claudia Galietta e Nicole Molaro, che, come Gaia Mais, volano in semifinale nell’under 12 femminile, mentre nel maschile il vulcanico Dennis Spircu (Scuola Federale San Marino) ha eliminato la testa di serie numero 1 Claudio Paolini al termine di una battaglia conclusa con lo score di 6-4 4-6 6-4. Nessun problema, infine, nell’under 10 maschile, per il romeno Andrei Radu, che ha lasciato un solo game ad Alessandro Arcangeli.

Domenica 5 gennaio sono previsti complessivamente 12 incontri a partire dalle ore 10.30 (le semifinali di tutte le categorie).
Tutte le informazioni, le foto e i commenti delle passate edizioni del torneo sono disponibili sul sito web ufficiale:
www.lemonbowl.it

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi