Rossato e Giurisato sul trono di Mestre

Il torneo di 3. categoria sovverte i pronostici e regala emozioni

di Creta Plus | 06 agosto 2019

Risultati a sorpresa e contro pronostico allo Sporting Club Mestre nel torneo di terza categoria maschile e femminile con i successi da parte del 3.1 Federico Rossato (Tc Trebaseleghe) nei confronti del pari classifica Giacomo Checchin (Tc Davis) in campo maschile e della 3.2 Angelica Giurisato nei confronti della 3.1 e prima favorita Ludovica Mazzucchelli, entrambe under 18, nel settore femminile.

La manifestazione diretta dal giudice arbitro Simone Zucchetti con direttore del torneo Vincenzo Tonicello, qui presente anche in veste di presidente del club, ha visto ai nastri di partenza 99 iscritti in campo maschile (di cui 8 di classifica 3.1, con ai primi posti del seeding Paolo Frasson e Umberto Costa) e 26 in quello femminile con ai vertici la 3.1 Ludovica Mazzucchelli e la 3.2 Elisa Mecchia.

Poi le alterne vicende sul campo di gioco hanno promosso ai quarti di finale nel tabellone maschile tutte le prime 8 teste di serie con l’unica eccezione proprio del primo favorito Paolo Frasson, sconfitto già all’esordio dal promettente Edoardo Donaggio (3.4) proveniente dalle qualificazioni, mentre in semifinale si sono presentati Giacomo Checchin e Eugenio Boscolo da una parte e Federico Rossato con Umberto Costa dall’altra per una finale tutta spumeggiante tra il promettente Rossato e l’under 16 Checchin con netta vittoria del primo, porta colori del Tc Trebaseleghe (63 61 lo score).

In campo femminile invece le semifinali hanno visto opposte Ludovica Mazzucchelli (3.1) contro Martina Berti (3.3) e Aurora Bissoni (3.2) contro Angelica Giurisato (3.2) per una finale che ha visto scender in campo Giurisato contro Mazzucchelli che si è conclusa al terzo set dopo una maratona di oltre 3 ore di gioco a favore della 3.2 Giurisato (Tennis Pro Padova) nei confronti della più accreditata Mazzucchelli del Geo Village Olbia per 67 64 60.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi