Rovereto incorona Beatrice Ricci: suo lo scudetto under 16

I campi della Baldresca hanno ospitato una bella edizione dei Campionati italiani femminili under 16

di Luca Avancini | 09 settembre 2019

Sorride Beatrice Ricci. E mostra con orgoglio lo scudetto. Rovereto la incorona regina under 16, al termine di una finale che scappa via veloce, imprendibile per la piccola palermitana Giorgia Pedone, classe 2004, la sorpresa più bella di questa edizione dei campionati italiani, splendidamente organizzati dal Circolo Tennis Rovereto. Non c’è partita sul veloce del Palabaldresca, dove il match viene dirottato per la pioggia fitta e insistente, troppo convinta e determinata la Ricci. Fisicamente ben strutturata, in possesso di solidi fondamentali e di una palla decisamente più robusta e pesante, la toscana tesserata per il Circolo romano Galdiatori Collefeltro, non si fa mai risucchiare dalla paura o dalla tensione, comanda il gioco sin dai primi scambi, e impone presto la sua maggiore potenza alla più giovane rivale, che ha carattere e temperamento, ma un tennis ancora troppo leggero per spostare su questi campi l’inerzia degli scambi. Potenza, e sensibilità, la Ricci chiude la sfida con un delicato drop shot di rovescio, confermandosi giocatrice completa, ha vinto questo torneo con un’autorevolezza impressionante, ventidue games ceduti in sei incontri, meno di quattro a partita. Un segnale forte di personalità e grande maturità di una giocatrice in rapida ascesa, vincitrice quest’anno di due tornei Itf junior in Algeria e finalista solo un paio di settimane fa a Szekesfehervar, in Ungheria. Forza e maturità esibita anche nel momento più bello, quando chiude 6-3 6-0 in poco più di un’ora di gioco, senza uno strillo, una lacrima, senza neppure un pugnetto. Solo una vigorosa stretta di mano alla Pedone, che forse sulla terra se la sarebbe giocata di più, ma che qui ha potuto ben poco. Il punteggio finale è severo, ma non boccia la ragazzina del Circolo del Tennis di Palermo, uno dei profili più interessanti ammirati alla Baldresca. Festa completa invece per la Ricci che sabato aveva già provveduto a mettere via il titolo di doppio, in coppia con la perugina Matilde Paoletti. Rovereto, tennisticamente parlando, è tutta ai suoi piedi. 

 

BILANCIO - Organizzazione promossa a pieni voti. Il Ct Rovereto ha raccolto solo consensi dagli addetti ai lavori presenti sui campi della Baldresca durante la settimana tricolore. Tutto ha funzionato a meraviglia e anche la pioggia nel fine settimana non ha rovinato la manifestazione: “Ma questo ci ha dato la possibilità di valorizzare una struttura estremamente funzionale come il Palabaldresca - sorride Luca Stoppini , maestro del circolo e direttore tecnico del torneo - la superficie non era troppo veloce e le ragazze vi hanno giocato volentieri. Il resto lo ha fatto il gran lavoro di tutti, direttivo in testa, staff tecnico e allievi della Scuola che ci hanno aiutato a gestire le piccole cose, spesso le più importanti». Non ha pesato l'assenza delle due protagoniste più attese, la 2.2 barlettana Eleonora Alvisi , campionessa italiana in carica, ancora alle prese con l'infortunio che l'ha bloccata in estate, e la 2.3 milanese Lisa Pigato , n.996 delle classifiche Wta, figlia d'arte, allenata curiosamente dal roveretano Jack Oradini.  «Credo che si possa essere soddisfatti del livello di gioco, si sono viste delle partite divertenti e interessanti - prosegue Stoppini -  Ci sono stati match molto equilibrati, ma anche poche sorprese se pensiamo che ben sette delle primo otto teste di serie hanno raggiunto i quarti di finale». Le nostre non hanno fatto molta strada: «Si sperava che Sveva Bernardi potesse spingersi qualche turno più avanti, purtroppo ha trovato una giocatrice in giornata di grazia; Carlotta Vivaldelli e Martina Schmid hanno fatto il loro, hanno vinto due belle partite, poi sono incappate nella prima e nella quarta testa di serie del tabellone».

 

Risultati

Singolare femminile - Finale: Ricci b. Pedone 6-3 6-0

Doppio femminile - Finale: Paoletti-Ricci b. Ruggeri-Zanolini 6-2 6-1


Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi