-

Addio prof. Parra

Tutta la Toscana tennistica si stringe intorno alla famiglia per la scomparsa del responsabile medico del comitato regionale e punto di riferimento per le nazionali

di | 29 novembre 2021

Parra

Pierfrancesco Parra con Serena Williams

E' scomparso a 64 anni, il professore che aveva studiato e perfezionato per una vita un laser curativo per tantissimi atleti.  Gli azzurri in campo per i quarti di finale con la Croazia con il lutto al braccio. Tutto il comitato regionale toscano si stringe intorno alla moglie Chiara e ai tre figli, Vittoria, Giovanni ed Elisabetta. Era nato a Grosseto il 5 agosto 1957, raccontava che sin da bambino avesse avuto la passione per l’invenzione e ad appena sei anni avesse costruito una radio - funzionante - usando una scatola di latta per biscotti. Si era laureato in Medicina e Chirurgia all’Università di Pisa con il massimo dei voti, specializzandosi in Chirurgia Generale e in Chirurgia d’Urgenza e Pronto Soccorso all’Università di Pisa. Quindi si era perfezionato in Laserchirurgia a Tolosa, in Francia, e si era indirizzato decisamente in quella branca come testimoniano le oltre 150 pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali ed internazionali e due libri: “Ilaser ad Argon e Neodimio-YAG nella pratica clinica”, “Laser e Sport”.  Personaggio istrionico e come qualcuno l'ha chiamato "scienziato"  che ha seguito tantissimi atleti e apprezzato a livello internazionale. Un medico, tifoso, amico, tutore di tanti atleti ai quali, negli anni, in tanti anni, e in tanti sport diversi, grazie ai suoi macchinari magici, ha restituito in pochi minuti il sorriso curando traumi, edemi, lesioni, danni muscolari e anche microfratture. Il suo cuore ha ceduto proprio durante le sfide di Coppa Davis e lascia un grande vuoto anche per l'appuntamento molto seguito a Montecatini Terme del "Parra Day Doc57" che univa sport e solidarietà. Ciao prof.  

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti