Tricolori 2ª categoria: esordio con il brivido per Anna Floris, avanzano Marco e Niccolò Dessì

Si gioca a Cagliari il tabellone principale nell'edizione 2019 dei Campionati Italiani (288 iscritti: 183 uomini e 105 donne). Avanza ancora Nicolò Dessì, vincono all'esordio Marco Dessì e Anna Floris, fuori Matteo Masala, Michele Fois e Barbara Dessolis

17 settembre 2019

Entrano in campo le teste di serie numero uno ai campionati italiani di tennis di seconda categoria. E vincono. Antonio Campo in due set contro Tobias Kirchlechner: 6-3, 6-3 e il pronostico è rispettato. Tra le donne Anna Floris va avanti, ma soffre. Trentasette anni, classe, esperienza e titoli, 37 anni. Ma contro di lei c'è la forza e la gioventù di Enola Chiesa, classe 2000. È il match del giorno. Duro per tutte e due. Chiesa vince il primo set 6-3. Ma Floris c’è e le rende il favore nel secondo: 6-3 per la sarda. E si decide tutto al terzo con Chiesa che non è affatto scomparsa dal campo. E con Floris che deve pescare il meglio del suo repertorio. Testa a testa, break e contro break: una battaglia di nervi tra le smorzate di Chiesa e le geometrie e le rasoiate della mancina di casa. Nel frattempo gli spalti si riempiono. Ultimo break di Floris: 5 a 4. Poi l’ultimo game e succede di tutto: suonano persino le campane della vicina chiesa. Il nastro aiuta la sarda e la porta sul 40-30. Ed è match point. Finisce lì: 3-6, 6-3, 6-4. È un torneo che invade tutta la città, Monte Urpinu e Saline. E si spinge sino a Settimo San Pietro. I big confermano di essere big. Davide Della Tomasina, toscano che gioca a Sassuolo, però soffre un po' con Andrea Cugini: 2-6, 6-4, 6-3. Ma è anche la giornata dei fratelli Dessí: vince e sorprende ancora  Niccoló (2.6), 6-3, 2-6, 6-2 contro Simone Camposeo (2.4) . Ma va avanti anche Marco: 6-2, 6-1 contro Giacomo Crisostomo. Saluta il torneo l'olbiese Matteo Masala, sconfitto 6-4, 6-4 da Giuliano Benedetti e Michele Fois che ha caduto per 62 -1 a Riccardo Tavilla. Tra le donne esce anche Barbara Dessolis: getta il primo set (7-6) contro la toscana Matilde  Mariani dopo essere stata in vantaggio 5 a 1. E poi paga psicologicamente nel secondo set perdendo 6 a 2. Entra nel vivo anche il torneo di doppio. E domani, per i fan di Anna Floris, ci sarà da divertirsi: in campo contro Asya Colombo per il singolare e al fianco di Monica Cappelletti per il doppio. Tra le visite di oggi al Tennis club anche quella dell’allenatore del Cagliari Rolando Maran

 

IL PERSONAGGIO
Dici Barletta e non puoi fare a meno di pensare a Pietro Mennea e ai sacrifici inenarrabili che il campione fece per salire  in alto fino al record del mondo dei 200. Un campione trasversale, basti dire che proprio nella sua citta' natale gli hanno dedicato anche un circolo del tennis. E da Barletta arriva un altro ragazzo, 21enne, che al sacrificio e' abituato. Giuseppe Tresca oggi ha vinto in scioltezza singolo e doppio (6-1, 6-3   contro Meneghetti e poi 6-2, 6-2 in coppia con il suo coach leccese Portaluri contro Baldovinetti e Noli). Un ragazzo che per inseguire il suo sogno ha lasciato casa all'eta' di 14 anni. "Avevo questa passione e l'ho coltivata in tutto e per tutto - dice dopo aver provato ancora un servizio al termine della partita. E si' che l'aveva chiusa proprio con un ace! - sono stato sei anni in Lombardia in un'accademia con Vavassori e potete immaginare i pianti di mia madre quando sono partito. Per fortuna mio padre mi ha sempre incoraggiato tranquillizzandola. Poi e' arrivato il diploma in ragioneria e anche sotto il profilo tennistico tutto e' andato bene perche' sono cresciuto e sono arrivato 2.2 e numero 60 in Italia. Ora sono sceso in classifica e tornato al sud, faro' la preparazione invernale  a Lecce. Un po' un giramondo con le radici sempre a Barletta". Chi lo ricorda proprio ai primi passi con la racchetta in mano e' Domenico Zingrillo, uno dei primi allenatori. "Gia' a 5-6 anni mostrava ottime capacita' coordinative oltre ad essere portato per la disciplina e serio negli allenamenti". Si parla del circolo Hugo Simmen della citta' della disfida, e il nuovo Ettore Fieramosca dopo gli exploit odierni non ha nessuna intenzione di fermarsi. "Con Portaluri siamo reduci dalla vittoria in doppio a Pula, quindi diciamo che la Sardegna ci porta bene. Speriamo di andare bene anche ai campionati italiani perche' questo e' un bel torneo e un bel palcoscenico". Come tutti i giocatori qui presenti sogna la possibilita' di accedere ai tornei che regalano punti Atp e in subordine Itf. "Quello e' l'obiettivo, bisogna fare il salto e si lotta per srrivare ai livelli di quelli che si vedono in tv. Anche se non e' facile. Io cerco di fare piu' tornei possibili per centrarlo. Gia' fare i challenger non sarebbe male. Con Giorgio a Barletta grazie a una wild card abbiamo centrato la semifinale perdendola 7-6 al terzo". Le 8 ore di allenamento al giorno che faceva a Brescia gli hanno insegnato che per raggiungere i risultati bisogna faticare. Cosa che peraltro gia sapeva. Senno' Mennea a cosa sarebbe servito?
RECORD DI ISCRITTI: 288. DI NICOLA E FLORIS FAVORITI
A darsi battaglia per la conquista dei titoli individuali e di doppio – ricco il montepremi complessivo: in palio 23.000 euro - sono 288 atleti, 183 uomini e 105 donne, per quello che è un record di iscritti.
In campo maschile, dove nutrita e agguerrita è la pattuglia dei giocatori sardi, i principali pretendenti al successo sono Gianluca Di Nicola, vicecampione italiano (in finale lo scorso anno cedette di misura al romano Matteo Fago), Antonio Campo, Davide Della Tommasina, Nicola Ghedin e Davide Pontoglio. Tra le donne i favori del pronostico vanno alla tenacissima Anna Floris, padrona di casa e finalista dodici mesi fa (a conquistare lo scudetto a Mantova fu Anna Giulia Remondina), Alice Balducci, Giulia Crescenzi, Giorgia Marchetti e Barbara Dessolis.

BINAGHI INAUGURA IL CAMPO COPERTO

L'edizione 2019 dei Campionati italiani di seconda categoria sarà arricchita da alcuni eventi collaterali. Durante la settimana del torneo si terrà il party serale nella terrazza del TC Cagliari e venerdì 20 sarà inaugurato il tanto atteso campo al coperto con un doppio esibizione al quale prenderà parte anche il presidente della Federazione Italiana Tennis Angelo Binaghi, cagliaritano cresciuto con la racchetta in mano proprio nei campi di Monte Urpinu. Per l’occasione è in programma un evento di degustazione delle specialità tipiche dell’isola: saranno presenti numerose realtà del settore enogastronomico sardo.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi