-

Lesa riporta il tennis sul Lago Maggiore, e incorona Martineau

Il francese Matteo Martineau si aggiudica la prima edizione della Lesa Cup, il torneo Itf da 25.000 dollari di montepremi (più ospitalità) che ha rilanciato la tradizione del tennis internazionale sul Lago Maggiore. Battuto in finale il lombardo Bega, il migliore dei 19 italiani nel main draw

di | 09 settembre 2021

Per oltre una settimana sul Lago Maggiore si è tornato a respirare l'aria del tennis internazionale. Dopo decenni di assenza di appuntamenti Itf, infatti, il Tennis Sporting Lesa ha deciso di riportare sul territorio lacustre piemontese un torneo maschile da 25.000 dollari di montepremi, più ospitalità.

Gli azzurri in gara nel main draw della Lesa Cup erano ben 19, ma ad alzare al cielo il trofeo della prima edizione è stato un francese, il classe 1999 Matteo Martineau, che in finale ha impedito al lombardo Alessandro Bega, numero 373 Atp, di conquistare il 18esimo titolo in carriera e il primo del 2021. Partito come seconda testa di serie, fino al match decisivo Martineau ha incontrato ben pochi ostacoli lungo il proprio percorso, lasciando le briciole agli avversari e raccogliendo la fiducia necessaria per affrontare una finale lunga e combattuta. Davanti a un pubblico molto numeroso, la terra rossa del centrale del Tennis Sporting Lesa l’ha premiato con il punteggio di 7-5 2-6 6-2, regalandogli il quarto – e più prestigioso – titolo in carriera.

La stretta di mano fra Matteo Martineau e Alessandro Bega, protagnista di una bella finale davanti a tantissimi spettatori

Si era fermato in semifinale, invece, un altro francese accolto nel Novarese con grande curiosità, ossia il 19enne Harold Mayot, già numero 1 della classifica mondiale juniores e vincitore fra gli under 18 dell'Austalian Open 2020. Mayot, capace di vincere il primo titolo tra i professionisti nel 2019 a 17 anni, ha comunque ben figurato sul Lago Maggiore, arrivando sino in semifinale prima di arrendersi a Bega.

Gli stessi Mayot e Bega, rivali in singolare poche ora prima, hanno trionfato nel tabellone di doppio, chiuso da una finale mai in discussione (6-3 6-1 il punteggio) contro il vercellese Pietro Rondoni e il genovese Andrea Basso.

Soddisfatti gli organizzatori, che hanno vinto la scommessa di riportare sul territorio un appuntamento del calendario internazionale. “La Lesa Cup – commentano – ha segnato un punto di ritorno del grande tennis, regalandoci un bel ritorno al passato. Un ritorno col botto, che ha lasciato il segno. E noi tutti, organizzatori e supporter, siamo felici di ciò che è stato realizzato”.

RISULTATI
Singolare –  Semifinali: Bega (Ita) b. Mayot (Fra) 6-3 6-4, Martineau (Fra) b. Descotte (Arg) 1-0 ritiro. Finale: Martineau (Fra) b. Bega (Ita) 7-5 2-6 6-2.
DoppioFinale: Bega/Mayot (Ita/Fra) b. Basso/Rondoni (Ita) 6-3 6-1.

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti