Biella: Lorenzi regola Arnaboldi, Baldi manca 2 MP

Approdano agli ottavi di finale del “Thindown Challenger" anche Giannessi superando Dambrosi e Mager, fuori invece Giustino e Bonadio. Debutto positivo per Brancaccio, out Quinzi e Federico Arnaboldi

17 settembre 2019

Tre giocatori italiani hanno già staccato il pass per gli ottavi di finale nel “Thindown Challenger Biella”, torneo ATP con montepremi di 46.600 euro in corso sui campi del rinnovato circolo di "Via Liguria 2.0".

Alessandro Giannessi (n.171 Atp), settima testa di serie, ha fatto suo con un doppio 64 il derby tricolore con Giacomo Dambrosi (n.1192 Atp), classe 2001, e dovrà vedersela con l'argentino Marco Trungelliti (n.196 Atp), 12esimo favorito del seeding. "Torno sempre volentieri a Biella e devo dire che mi piace questo circolo: si respira di più l’aria del tennis. Quando entrai nei top 100 era a fine anno e così giocai indoor sul veloce, condizioni dove non mi trovo perfettamente a mio agio. Il livello è difficile, anche al di sopra del cento e ogni partita è diventata dura perché nessuno regala più niente. So che non sarà facile tornarci, ma l’obiettivo è senza dubbio quello", afferma il mancino di La Spezia che poi guarda al prossimo impegno. "Sono riuscito a battere Trungelliti a casa sua a Buenos Aires, ma è un atleta capace di aggiudicarsi partite di alto livello. Ha tanto talento e dovrò disputare un buon match per portarlo a casa. A Biella in passato non avevo mai giocato benissimo - conclude Giannessi - ma qui i campi mi piacciono e speriamo di infrangere questo tabù".

Esordio positivo direttamente al secondo turno anche per Paolo Lorenzi (n.120 Atp), quarta forza del tabellone, che ha regolato per 63 75 Andrea Arnaboldi (n.299 Atp): il 37enne senese si giocherà un posto nei quarti con l'argentino Carlos Berlocq (n.274 Atp), 16esima testa di serie, che ha liquidato con un periodico 61 Riccardo Bonadio (n.333 Atp).

Avanza anche Gianluca Mager (n.142 Atp), ottava testa di serie, entrato in scena con il successo per 64 63 sullo spagnolo Oriol Roca Batalla (n.305 Atp): prossimo avversario per il 24enne di Sanremo sarà il tedesco Peter Heller (n.407 Atp), che l'ha spuntata in rimonta su Filippo Baldi (n.155 Atp), nona testa di serie, annullando anche due match point consecutivi sul 5-4 nel terzo set per il lombardo. 
Eliminato anche Lorenzo Giustino (n.141 Atp), sesto favorito del tabellone, piegato con il punteggio di 76(5) 57 63 dall’argentino Andrea Collarini (n.219 Atp). 

Negli incontri di primo turno debutto vincente per Raul Brancaccio: il 22enne di Torre del Greco (n.283 Atp) ha regolato per 63 62 il brasiliano Fernando Romboli (senza ranking), proveniente dalle qualificazioni, e al secondo turno troverà lo spagnolo Mario Vilella Martinez, numero 191 Atp ed undicesima testa di serie. 
Subito fuori, invece, Gianluigi Quinzi (n.357 Atp), che ha ceduto per 62 16 63 all'altro qualificato brasiliano Oscar Jose Gutierrez (n.395 Atp). Niente da fare anche per Federico Arnaboldi (n.930 Atp), in gara con una wild card, sconfitto 64 76(3) dallo svedese Markus Eriksson (n.281 Atp): il tennista scandinavo sarà l’avversario d’esordio di Stefano Napolitano (n.204 Atp), 14esima testa di serie, finalista nella passata edizione. 

Al secondo turno sono anche Gian Marco Moroni (n.269 Atp), che sfiderà per un posto negli ottavi lo spagnolo Jaume Munar (n.102 Atp), secondo favorito del tabellone, e Federico Gaio (n.154 Atp), decima testa di serie, a sua volta opposto al croato Viktor Galovic (n.243 Atp).

Tabelloni e ordine di gioco

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi