L'arrampicata di MARCORA, NEI QUARTI ALL'ATP DI PUNE

Sul cemento indiano del "Tata Open Maharashtra", dopo l’exploit contro il numero uno del seeding Paire, il lombardo, partito dalle qualificazioni e mai così avanti in un torneo Atp, cede all'australiano Duckworth, sesta testa di serie

07 febbraio 2020

Si ferma nei quarti di finale – i primi per lui nel circuito maggiore - la corsa di Roberto Marcora nel "Tata Open Maharashtra", torneo ATP 250 dotato di un montepremi di 546.355 dollari in corso sul cemento di Pune, in India (fino al 2017 si era disputato a Chennai), che quest’anno ha cambiato data spostandosi dalla prima settimana di gennaio a quella di febbraio. Il 30enne di Busto Arsizio, numero 174 Atp, promosso dalle qualificazioni, dopo aver firmato la vittoria più importante in carriera eliminando al secondo turno il francese Benoit Paire, numero 19 Atp e primo favorito del seeding, non è riuscito a ripetersi contro l’australiano James Duckworth, numero 96 Atp e sesta testa di serie: 63 76(4) il punteggio con cui, in un’ora e 28 minuti di gioco, il 28enne di Sydney ha sconfitto il tennista lombardo, che solo in un’altra occasione aveva giocato in un tabellone principale Atp, a Ginevra nel 2017, anche in quell’occasione partendo dalle qualificazioni.

Nel primo confronto diretto fra i due Marcora, complici alcuni errori con il rovescio, ha ceduto la battuta nel quarto game, con il tennista aussie ad issarsi sul 4-1 anche se con qualche patema. Un break mantenuto da Duckworth, che con il suo terzo ace ha incamerato la prima frazione (63) dopo 35 minuti. Nel gioco di apertura del secondo set l'azzurro, che prima del torneo indiano non aveva mai vinto un match in un main draw del circuito maggiore, ha annullato con coraggio e determinazione una palla break. L'australiano, nonostante le quasi tre ore di lotta del giorno precedente contro il giapponese Taro Daniel, ha dimostrato notevole solidità e doti difensive, strappando sul 4-4 il servizio al 30enne di Busto Arsizio. Improvvisamente il meccanismo fin lì perfetto del giocatore di Sydney si è inceppato, Marcora si è procurato le prime palle-break, riagganciando il rivale e salendo sul 6-5, fino a giungere a due punti dal set (15-30). L’australiano ha ritrovato profondità alla battuta, rifugiandosi al tie-break: Massimo equilibrio fino al 4 pari, poi tre errori consecutivi dell’italiano (due diritti intervallati da un rovescio) hanno spalancato a Duckworth le porte della sua prima semifinale in carriera a livello Atp, dove affronterà il vincente del confronto fra il coreano Soonwoo Kwon, numero 88 Atp e quarta testa di serie, e il bielorusso Igor Gerasimov, numero 90 del ranking mondiale e 8 del seeding.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi