-

De Marchi continua ad andare forte: ''Pronto al salto under 18''

Le parole di Andrea De Marchi dopo il successo nel torneo under 16 Tennis Europe di Tolentino

di | 20 giugno 2022

Tennis Europe under 16 Tolentino

Tennis Europe under 16 Tolentino

Andrea De Marchi è uno dei prospetti più interessanti del tennis italiano come certifica la vittoria nel Tennis Europe under 16 di Tolentino. Il laziale classe 2007 ha conquistato il titolo battendo in finale William Mirarchi con il parziale di 6-3 6-4. Ho fatto un buon torneo, ero prima testa di serie e diciamo che mi aspettavo di poter vincere - le parole del giovane capitolino -. Quest’anno non è iniziato nel migliore dei modi e questa settimana mi ha dato modo di riprendermi, sono cresciuto nell’arco del torneo”. Seguito dal maestro Alessandro Galli all’Eschilo 2, De Marchi inizia a programmare le prossime uscite, sognando l’approdo nel mondo ITF: Lo deciderà il mio maestro cosa farò, ma credo che giocherò qualche ITF under 18 in più, ma non è detto che io non possa giocare altri under 16. Con Galli comunque ho un rapporto speciale, per me è come un secondo padre, sto con lui da quando ho sei anni. Abbiamo alti e bassi, ma sono più i momenti belli, anche perché con lui posso aprirmi. È un tecnico con esperienza e sono fiero del percorso che stiamo facendo”.


Nella scorsa stagione, Andrea De Marchi si è tolto la gioia del titolo in doppio a Les Petit As giocando al fianco del coetaneo Federico Cinà, con il quale vive un rapporto di amicizia e rivalità: “Lui è uno dei miei migliori amici e sto bene con lui. Abbiamo vinto a Tarbes, ma anche prima abbiamo vinto tanti doppi insieme, inoltre sappiamo di poter contare l’uno sull’altro anche fuori dal campo. Quando ci affrontiamo, entrambi sentiamo la tensione, lui forse un pochino di più. Naturalmente quando ci gioco contro non penso all’amicizia, ma provo a vincere”. In conclusione anche due battute sul proprio tennis e sugli obiettivi di fine 2022: Costruisco il gioco da fondo, mi piace muovere l’avversario e appena ho una chance entro magari provando anche a chiudere il gioco a rete. Questo è il mio tennis ed è ciò che devo provare ad imporre sempre di più. Se negli under 16 vinco spesso agevolmente nei primi turni, negli under 18 ogni partita va giocata e non ti puoi distrarre un secondo. Per quest’anno l’obiettivo direi che è quello di costruire una discreta base di classifica ITF under 18”.

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti