-

Paolo Verna: ''Nuova sede, nuova sfida. Il Lemon Bowl è passione''

Il prestigioso torneo giovanile cambia casa per la terza volta nella sua storia. Il direttore del torneo: "Siamo pronti al salto di qualità"

di | 20 novembre 2021

Andrea De Marchi posa insieme a Paolo Verna, direttore del torneo

Andrea De Marchi posa insieme a Paolo Verna, direttore del torneo

L’edizione numero 38 del Lemon Bowl è sempre più vicina. Dopo quasi vent’anni la prestigiosa rassegna giovanile ha cambiato casa e sulla scia di un anno d’oro per il tennis italiano è pronta a regalare emozioni. Paolo Verna, direttore della manifestazione, non nasconde tutto il proprio entusiasmo.

“La cosa più importante era trovare una nuova location – spiega il direttore del torneo – e ho iniziato a guardarmi intorno già dal giorno successivo a quello delle finali dell’ultima edizione. Sono arrivate delle proposte, le ho valutate attentamente e ho preso una decisione. Il Lemon Bowl è una grande famiglia e nella sua storia, che va avanti ormai da quasi 40 anni, le sedi sono state soltanto due: quello che oggi è il Play Pisana, la nostra casa dal 1985 al 2005, ed il New Penta 2000. Negli anni i rapporti con proprietari dei circoli e addetti ai lavori si sono rinsaldati sempre di più e dover cercare una nuova sistemazione, sotto l’aspetto umano, è stato un trauma”.

Nuova location, stesso entusiasmo: lo spirito di una tra le manifestazioni giovanili più importanti del mondo non muta. “Da quest’anno la sede centrale sarà un circolo prestigioso come il Salaria Sport Village – prosegue Verna – affiancata da Forum Sport Center e da Panda Sporting Club. Come nuovi partner avremo Tato Pedà, gestore del Salaria Sport Village, e Mauro Ricevuti, gestore di un’Academy all’interno del Forum. Tutti si stanno dando da fare alacremente con l’obiettivo di garantire gli standard qualitativi di sempre e mettere nelle condizioni migliori i ragazzi e le loro famiglie. Avremo, come sempre, una forte partecipazione straniera che ci consentirà di raccontare storie particolari che rendono questo sport sempre più magico. Abbiamo preso tutto come una nuova sfida con l’obiettivo di fare un importante salto di qualità”.

Inevitabili alcune considerazioni sull’attuale stato di salute del tennis italiano. “Il movimento sta andando a gonfie vele. Ciò che stanno facendo i nostri grandi campioni è uno stimolo incredibile per ragazze e ragazzi di tutte le età. Per il torneo ci aspettiamo una crescita tecnica e quantitativa importante”.

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti