A CORDENONS QUINTA TAPPA “JUNIOR NEXT GEN ITALIA”

Sui campi dell'Eurosporting si concretizzano le ultime speranze peri l'ambito balzo allo Sporting Club di Milano, sede del Master del circuito giovanile, dove i migliori cinque junior di ogni macroarea e di ogni categoria potranno anche godersi dal vivo lo spettacolo mondiale delle “Next Gen Atp Finals”.

20 settembre 2019

L'ultima tappa di Cordenons del comparto Nordest, assegna doppio punteggio e, sebbene per molti under i giochi nella classifica progressiva siano già fatti, per alcuni la rincorsa all'importante appuntamento giovanile può rappresentare l'ultima opportunità di dare una botta consistente al punteggio. Questa motivazione, accoppiata all'apprezzabile occasione d'incrociare le racchette con pari età anche di altre regioni, spiega il numero di 125 giocatori provenienti da territori al di fuori del Friuli Venezia Giulia, finiti insieme a nostri regionali, nei 16 tabelloni approntati da Mirco Lucchese, liste che hanno prodotto il numero di ben 190 incontri, consumati nell'arco di dieci giorni.

Alla fine delle ardue schermaglie, le assegnazioni delle coppe più preziose premiano un solo atleta della nostra regione: l'ispirato 3.1 Manfredi Vergine, 16enne alfiere del circolo organizzatore, vincitore per 6-2 6-1 del toscano con classifica 2.8, Francesco Cartocci. La buona lena di Manfredi e l'attuale affrancamento dai problemi fisici si palesavano anche nella semifinale contro il compagno di casacca, il 2.7 Angelo Rossi, superato per 6-3 7-5 alla fine di un match denso di spunti tecnici

Di valore la prova clou della 3.1 Nicole Iosio del Tc Caneva, 14enne che cede per

6-4 7-6 alla 2.8 veronese Sveva Zerpelloni, un'agguerrita rivale dai colpi secchi e profondi portati con grande tempismo. Nicole in semifinale aveva eliminato la prima testa di serie, la 2.8 Ludovica Azzolini, grazie anche ad un salvifico consulto con il maestro Mauro Pizzinat, dialogo che le aveva aperto il volo verso il 10-3 del tie-break decisivo e di raddoppiare, così, il bottino dei positivi.

Tra gli altri ragazzi dei nostri circoli, in auge nei rispettivi tabelloni, da ricordare il 14enne canevese Alex Brusadin, semifinalista bloccato perentoriamente per 6-1 6-1 dal vicentino Pietro Cappellaro, giocatore in seguito bloccato dal trevigiano Alessandro Battiston, talentuoso giocatore fresco campione italiano under 13 in singolare ed in doppio e capace di raggiungere i quarti nella categoria superiore. La citazione serve a dare un'idea della reale competitività dei concorrenti under 14. Un'altra performance da evidenziare é quella della decenne Ginevra Vidoni, arrestata in semifinale dalla più accreditata del tabellone, la bolognese Micol Salvadori, sconfitta maturata solo al tie-break conclusivo, smarrito dalla friulana per 7 a 2. La brava formichina del Tennis Città di Udine che si vedeva rimontare dalla ben piantata avversaria, peraltro vincitrice della tappa, viveva troppo negativamente il risultato, bagnando di copiose lacrime l'uscita dalla gara, dimenticando quanto di buono era riuscita ad esprimere durante il torneo.

Alle premiazioni presenti dirigenti Fit con in testa il consigliere regionale Pier Tullio Fonda, accanto all'Assessore di Cordenons Lucia Buna, alla responsabile marketing Serena Raffin e al direttore del torneo Claudio Bortoletto.

fausto serafini

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi