-

Under, Coppa delle Province: una festa del tennis

Competizione, socialità e divertimento alla classica del tennis giovanile regionale, quest’anno dal sapore di un assaggio di normalità

di | 24 giugno 2021

È stata una vera e propria celebrazione del tennis, l’edizione 2021 della Coppa delle Province, quadrangolare giovanile atto a decretare le squadre partecipanti ai macroarea.

A contendersi i tre slot disponibili per la qualificazione, le migliori promesse under 10, 9 e 8 di Bologna, Parma, Ravenna e Rimini, accorse presso lo Sporting Club Carpi, dove il verde di prati ed arbusti ed il rosso della terra dei campi si fondono in uno scenario da favola tennistica.

Dopo due giorni di confronti senza sosta, a spuntarla è stata Rimini, che ha battuto Bologna in un confronto equilibrato e dall’alto tasso tecnico tra singoli e doppi, maschili, femminili e misti.

Ancora più equilibrata e piena di tensione - in quanto decideva di fatto l’ultima qualificata della fase regionale - lo spareggio 3°/4° posto, che ha visto eventualmente Ravenna prevalere sul fil di lana su Parma.

Al di là del risultato sportivo, comunque importante, quello che è rimasto di più sulla pelle è stata la sensazione di un assaggio di normalità che al tennis giovanile, fatto di ragazzi e bambini, famiglie ed amici, mancava da tempo.

Pur nel rispetto delle norme di sicurezza, ancora doverose, un’intera comunità sportiva ha potuto infatti trascorrere un fine settimana condividendo ed alimentando l’entusiasmo di una grande passione comune dell’Emilia-Romagna, il tennis e i suoi valori.

“In Emilia-Romagna possiamo vantarci di questa Coppa delle Province - ha affermato Ilaria Pongiluppi, responsabile addetta FIT - che ormai è un appuntamento fisso nella sua formula a ‘final four’. Nonostante il periodo e l’emergenza, i bambini si sono comportati benissimo, rispettando tutti i regolamenti messi in pratica dallo Sporting Club. Questo evento segna una ripartenza: dopo un inverno in cui alcune fasce d’età non hanno nemmeno potuto allenarsi, poter venire qua con le proprie famiglie a fare il tifo e a sostenere i propri ragazzi spero rappresenti un punto di svolta per il tennis giovanile”.

 

Altrettanto soddisfatto il direttore del circolo Sporting Club Carpi, Rodolfo Bulgarelli: “I ragazzi sono stati dei campioni sia fuori che dentro al campo perché hanno avuto un comportamento sportivo ed impeccabile. Non a caso, i soci del circolo si sono fermati, meravigliati, a guardare le prestazioni dei partecipanti, piccoli atleti dalle grandi performance”.

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti