-

Internazionali di Forlì, trionfa il tedesco Moraing

Battuto in finale Halys (3-6, 6-1, 7-5) in un’ora e 41 minuti di gioco per alzare il trofeo degli Internazionali di Tennis Città di Forlì “Memorial Piero Contavalli”.

di | 21 giugno 2021

L’anno scorso, gli Internazionali di Tennis Città di Forlì avevano regalato il primo titolo alla promettente carriera di Lorenzo Musetti, che poche settimane fa ha impressionato il mondo strappando due set al numero uno del mondo Djokovic sul centrale del Roland Garros.

Quest’anno, la manifestazione - confermata sia nell’organizzazione impeccabile di MEF Tennis sia nel circolo di Villa Carpena come campo di battaglia - prende la strada della Germania, fino a casa di Mats Moraing, in Vestfalia.

Il ventinovenne nativo di Mülheim an der Ruhr si è dimostrato il tennista più solido alla fine della settimana di torneo, dove ha concesso un set in ottavi e di nuovo in finale, dove ha dovuto salvare ben due matchpoint contro il francese Quentin Halys (8), durante il terzo e decisivo set.

È stata una grande battaglia, avrebbe meritato di vincere Halys - ha dichiarato il vincitore - . Ha giocato uno splendido torneo, gli auguro il meglio per il resto della stagione. Per me è stata una settimana indimenticabile, è stato molto bello tornare a sentire gli applausi del pubblico in tribuna”. 

Ed in effetti anche il pubblico è stato tra i protagonisti assoluti della settimana, numeroso nei limiti del consentito proprio come l’anno scorso, a saggiare prove di normalità contenuta.

Il vincitore del “Memorial Piero Contavalli”, nel suo cammino ha eliminato anche Jacopo Berrettini, fratello del n.9 mondiale Matteo. I quarti di finale si sono infatti dimostrati il turno maledetto per i difensori del tricolore, che si erano presentati in tre tra i migliori otto: oltre a Jacopo Berrettini (22 anni), anche il ventiquattrenne Raul Brancaccio ed il sorprendente Francesco Forti, ventunenne di Cesena.

Quest'ultimo ha infiammato il pubblico forlivese nella prima parte di settimana, mostrando un tennis brillante e convincente: partito dalle qualificazioni, si è ritagliato un ruolo da assoluto protagonista al primo turno, battendo in quasi due ore di battaglia e tre set Tallon Griekspoor, testa di serie numero 1 del torneo.

Sulla cresta dell'onda, il nuovo numero 380 del mondo (career high) è volato fino ai quarti, dove si è arreso al'eventuale finalista Halys.

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti