-

Attività giovanile, ripartiti i raduni provinciali

Dopo mesi di assenza forzata, sono ripartiti i raduni a livello provinciale per le categorie 2011/12, dando un segnale di ripresa e speranza all’attività tennistica giovanile

di | 18 aprile 2021

Il raduno di Forlì-Cesena a Villa Carpena

Dopo mesi di attesa, sofferenza e speranza, si comincia a vedere la luce della speranza in fondo al tunnel del Covid anche per l’attività tennistica giovanile, portata coraggiosamente avanti, a singhiozzo e con tanti limitazioni, sia a livello locale che nazionale.

In quest’ottica, è più che comprensibile l’emozione che si percepiva nei raduni federali provinciali, ripartiti questo weekend nei circoli selezionati della Regione per le annate 2011/12.

A Bologna (Virtus Tennis), Modena (Tennis Modena), Piacenza (Società Canottieri Vittorino da Feltre), Forlì-Cesena (Villa Carpena), Ferrara (Sporting Club Estense), Parma (Circolo del Castellazzo), Ravenna (CT Zavaglia), Reggio Emilia (CT Reggio) e Rimini (TC Riccione)

si sono quindi potuti incontrare tecnici e allievi per un appuntamento insostituibile dell’attività giovanile, come spiegato anche da Roberto Vitale, vicepresidente del Comitato Regionale Federtennis:

I raduni provinciali rivestono un ruolo fondamentale all’interno del Sistema Italia, in quanto uniscono la fondamentale componente di comunità e socialità sportiva ad un importante momento di formazione e monitoraggio dei più promettenti talenti locali. Questi permettono agli organi federali di svolgere una funzione di scouting e affiancamento che è venuta inevitabilmente a mancare nell’ultimo anno. Per questo, sui campi dei circoli si è respirata un’aria finalmente di fiducia, di speranza in un cambio di passo verso il ritorno alla normalità tennistica, che costituisce un piccolo ma grande gradino nella riconquista della nostra vita sportiva e sociale”.

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti