Beach Tennis: un'Italia d'oro ai Mediterranean Games

Sulle spiagge di Patrasso tre titoli e due argenti per le coppie italiane: a Giovannini/Valmori l'oro maschile, Nobile/Valentini concedono il bis di Pescara 2015 vincendo il derby con Casadei/Giusti e nel misto Bollettinari/Valentini superano Giovannini/Nobile

di Gianluca Strocchi | 28 agosto 2019

L'Italia si conferma una potenza del beach tennis a livello internazionale. Si tinge di tricolore anche la seconda edizione dei Mediterranean Beach Games, in svolgimento a Patrasso, dove terranno banco sino a domenica 31 agosto: tre medaglie d'oro e due d'argento è infatti il cospicuo bottino - quasi il massimo possibile - raccolto dagli atleti azzurri, selezionati dal capitano Michele Folegatti, sulle spiagge greche, dove due delle tre finali - doppio femminile e misto - andate in scena nella serata di martedì sono state un derby tutto italiano, mentre nel doppio maschile si è messa al collo l'oro la coppia Tommaso Giovannini/Dennis Valmori.

Nel torneo di doppio femminile Nicole Nobile e Ninny Jannika Valentini hanno confermato l'oro conquistato quattro anni fa a Pescara, con un percorso netto da applausi: hanno esordito direttamente nei quarti rifilando un doppio “bagel” alle greche Kokkinou/Sotiriadou, poi in semifinale hanno superato per 76 61 le francesi Garnier/Labrit e nel match clou si sono imposte per 62 63 sulle compagne di nazionale Veronica Casadei e Greta Giusti (argento anche nel 2015), che a loro volta avevano regolato per 75 63 nei quarti le sorelle francesi Hoarau (Marie Eve e Mathilde) e in semifinale avevano sconfitto 62 64 le spagnole Palos Fernandez/Garcia Lopez.

Nel doppio maschile Tommaso Giovannini e Dennis Valmori hanno rispettato il ruolo di prima testa di serie, ma non è stata una passeggiata quella dei due beacher romagnoli: entrati in scena direttamente nei quarti di finale con il successo per 61 63 sui sammarinesi Nicolò Bombini e Alvise Galli, in semifinale l'hanno spuntata per 75 57 10-7, al termine di un match assai combattuto, sui francesi Gianotti/Guegano, poi nella sfida per l'oro hanno piegato per 64 26 10-5 gli spagnoli Ramos Viera (uno dei big del tour del beach tennis) e Rodriguez Querol. Proprio il binomio iberico aveva fermato in semifinale per 64 63 gli altri azzurri Diego Bollettinari e Mattia Spoto, che dopo aver esordito negli ottavi battendo 61 61 gli ellenici Raptis/Karavasidis avevano battuto nei quarti 60 61 i portoghesi De Meneses Maio/Serrano Da Costa Freitas. Poi nella finalina per il bronzo i due italiani hanno ceduto 75 75 al tandem transalpino Gianotti/Guegano.

E' stata doppietta azzurra, sui due gradini più alti del podio, anche nel misto, dove i binomi italiani si sono qualificati per l'ultima decisiva sfida. Bollettinari/Valentini hanno infatti centrato le affermazioni sui ciprioti Vyrides/Xenofontos (60 63), sugli spagnoli Rodriguez Querol/Lopez Garcia (60 63) nei quarti e in semifinale sui francesi Irigaray/Mathilde Hoarau, battuti 62 63. In contemporanea percorso netto sino alla finale per la coppia Giovannini/Nobile, che ha sconfitto 62 63 l’altra coppia cipriota Coutrouza/Tsangaridou, poi nei quarti per 76 63 i francesi Gianotti/Labrit e in semifinale hanno fermato (63 61) la bella corsa del binomio sammarinese formato da Nicolò Bombini e Alice Grandi, capace nei quarti di eliminare i quotati spagnoli Ramos Viera/Palos Fernandez (62 26 10-5 lo score). Il derby tricolore per il titolo ha visto Bollettinari/Valentini prevalere per 75 62 su Giovannini/Nobile.

La rappresentativa italiana in Grecia (dirigente accompagnatore Giuseppe Martinez) ha così quasi eguagliato l'en plein di medaglie che aveva ottenuto nella edizione precedente da padrona di casa (Pescara 2015) in questa disciplina, che nel frattempo ha visto alzarsi considerevolmente il livello tecnico in ambito internazionale, specie nel bacino del Mediterraneo.

Il sito dell’evento è https://www.mbgpatras2019.gr/en

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi