Sassuolo e Ct Bologna, due filosofie per la A2

L'esperienza dello Sporting e la linea verde del Ct Bologna: sono i due differenti approcci che caratterizzano le due formazioni emiliane impegnate dal 6 ottobre nel campionato a squadre femminile di serie A2

27 settembre 2019

Una squadra d’esperienza come lo Sporting Club Sassuolo, capace nel 2018 di sfiorare il passaggio in Serie A1 anche con le donne (nel massimo campionato nazionale c’è già il team maschile), e un Circolo Tennis Bologna che parte come una delle formazioni più giovani dell’intera serie, con un’età media delle giocatrici inferiore ai vent’anni.

Sono le due formazioni femminili dell’Emilia Romagna al via del prossimo Campionato nazionale di Serie A2, in partenza da domenica 6 ottobre, con una doppia trasferta in Piemonte. Le ragazze di Sassuolo, che al team protagonista dodici mesi fa con Valeria Muratori, Giulia Guidetti, Alice Gubertini e Marta Bellucco hanno aggiunto la spagnola Nuria Parrizas Diaz (nella foto, numero 244 Wta), esordiranno sui campi del Tennis Beinasco, avversaria nel Girone 2 insieme a Stampa Sporting B, Ct Ceriano, Tc Cagliari, Tc Mestre e Tennisclub Rungg, con l’obiettivo di mantenere quell’imbattibilità che nel 2018 durò per tutto il girone, salvo interrompersi sul più bello nei play-off per l’A1.

Le giovani del Ct Bologna, invece, faranno visita allo Sporting Stampa di Torino, con loro nel Girone 1 insieme a Canottieri Casale, Ct Palermo, Ct Bari, Ct Eur e Country Club Cuneo. La formazione capitanata da Peppe Postorino punta a fare meglio rispetto allo scorso anno, quando le bolognesi si salvarono per un soffio ai play-out. Il Ct Bologna ha scelto di optare per la linea verde, con la “vivaio” Camilla Abbate nel ruolo di numero 1, più Zucchini, Ruggeri, Simone, Modesti e due baby già entrate nel giro delle nazionali giovanili: Federica Urgesi e Giulia Martinelli.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi