-

Torre del Greco tricolore con Marigliano

Dall'under 14 ai campionati a squadre il magic moment del club vesuviano

di | 10 settembre 2021

Antonio Marigliano

Antonio Marigliano riporta uno scudetto tricolore giovanile in Campania dopo quattro anni e dopo il periodo d’oro dei titoli in serie vinti da Federica Sacco, tra il 2013 e il 2017. L’Under 13 napoletano, tesserato e che si allena al New Tennis di Torre del Greco, si conferma uno dei talenti più limpidi del tennis italiano. Al CT Stasi di Lecce ha dimostrato per tutto il torneo di essere il più forte della categoria (bravissimo in finale l’altro campano Salvatore Tartaglione) e adesso per lui, nel 2022, speriamo si apriranno le porte della Nazionale di categoria, per le competizioni a squadre Under 14.

“Il titolo di Antonio è la conferma che stiamo lavorando bene – spiega Giancarlo Petrazzuolo, coach di punta del club vesuviano -, ma non la considero né un punto di arrivo, né una sorpresa. Stiamo già lavorando alla fase a squadre di Macroarea Sud-Italia Under 14 di Pescara per conquistare le finali tricolori”. Petrazzuolo è coach dal passato illustre di professionista da top 200 del mondo, da una classifica in Prima categoria e con 4 scudetti di serie A1 nel palmares. Al New Torre del Greco forma una squadra super con gli altri tecnici della struttura, Ciro Cardone e Alessio Concilio, insieme con i preparatori atletici Nunzio Viola e Domenico Picardi. Un gruppo che sta lavorando benissimo su tanti talenti campani (su tutti Mariano Tammaro, under 18 di livello internazionale; e Maria Pia Vivenzio, finalista nel 2021 ai tricolori under 16 di doppio e quarti in singolo) e che allena professionisti del livello di Raul e Nuria Brancaccio, impegnati nelle attività internazionali Atp e Wta e in piena scalata dei ranking mondiali. E come ciliegina sulla torta arriva in autunno anche la serie A1 a squadre dove il club corallino è da anni protagonista.

Intanto, il club vesuviano si gode uno scudetto importante e la prospettiva di veder crescere fino alle soglie del professionismo Marigliano.

“Antonio è un adolescente che non si tira mai indietro negli allenamenti, non si nasconde, anzi. Dà anche più di quello che ci si aspetta. E’ un terraiolo, del resto è la sua superficie di elezione; ama comandare il gioco con il diritto, ad oggi il suo colpo migliore. E il suo giocatore preferito è il russo Medvedev”, analizza coach Petrazzuolo. Chi si aspettava che Marigliano scegliesse più naturalmente uno dei tre grandi Djokovic, Nadal e Federer deve accontentarsi. Ma così è fatto Antonio, un ragazzo che con le sue scelte e la sua personalità a 13 anni ha le idee chiare: vuole fare tanta strada nel tennis.

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti