Sinner battuto negli ottavi di finale di Orleans

Nella notte tra giovedì e venerdì Jannik Sinner è stato eliminato negli ottavi di finale dell’ATP Challenger 125 di Orleans. In Francia, il 18enne di Sesto Pusteria si è dovuto arrendere allo sloveno Aljaz Bedene, numero 3 del tabellone e 64 del mondo, in tre set di misura per 4-6, 6-4, 4-6.

di Manuel Tabarelli | 26 settembre 2019

Dopo il bye all’esordio e la vittoria di martedì al secondo turno contro l’austriaco Lucas Miedler (ATP 278), il pusterese ha affrontato oggi negli ottavi la stella slovena Bedene. Contro il 30enne, Sinner aveva perso l’unico scontro diretto due mesi fa negli ottavi di finale di Umago per 7-6, 6-3. 

Bedene, che domenica è stato battuto solo in finale dell’ATP 250 di Metz dal francese Jo-Wilfried Tsonga, è partito fortissimo, allungando con un break nel terzo gioco sul 2-1. Poi sia lo sloveno che Sinner hanno portato a casa i loro turni di servizi senza fatica. Dopo 37 minuti di gioco il numero 3 del seeding ha trasformato il suo secondo set point per il 6-4. 

La seconda frazione di gioco era equilibrata fino al 5-4 a favore dell’altoatesino. Sinner ha sprecato quattro palle break nel quarto gioco, mentre Bedene non è riuscito per ben cinque volte (due volte sul 4-4) a strappare il servizio a Sinner. Nel game successivo l’azzurrino Next Gen ha piazzato il break decisivo, aggiudicandosi il secondo parziale per 6-4. Così questa sfida si è decisa nel terzo set. 

Sinner ha giocato un grande tennis, ma nel quinto gioco del terzo set ha perso il suo turno di battuta. Bedene è scappato sul 4-2, mentre il pusterese non è più riuscito a rientrare in partita. Dopo due ore e 12 minuti di gioco lo sloveno ha chiuso il match sul 6-4 finale. 

Il pusterese, numero 128 del ranking ATP, si ferma dunque negli ottavi di finale di Orleans. Sinner si porta a casa anche 10 punti ATP e 2.180 euro di montepremi.
 

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi