Il tennis in carrozzina fa tappa a Sulmona

Junior Wheelchair Tennis Trophy in Abruzzo

di COMITATO | 20 agosto 2019

Il movimento del tennis in carrozzina rappresenta un punto di riferimento importante per la Federazione italiana tennis e per l'Abruzzo in particolare.

Appena pochi anni fa, quando si parlava di tennis in carrozzina, regnava un misto tra incredulità e scetticismo, forse anche un pizzico di pietismo, per quello che i più ottimisti consideravano giusto un sogno.

Un sogno che si è concretizzato grazie al lavoro di tanti stimati professionisti, maestri federali, che con il passare del tempo si sono sempre più specializzati in questa disciplina.

L'Abruzzo, si diceva, è terra centrale non solo per una questione geografica, ma anche perché a Sulmona si è radicata una delle realtà più importanti dello stivale.

Il Tennis Club Sulmona “schiera” nelle sue fila il Maestro Giancarlo Bonasia che ormai è sinonimo di insegnamento ai massimi livelli del tennis in carrozzina.

L'Abruzzo ha ospitato eventi, raduni, convegni, seminari e ha sfornato grandi atleti della disciplina, come ad esempio Antonio Cippo che è da anni uno degli interpreti migliori in chiave azzurra, ma anche la giovane e promettentissima Giulia Valdo.

Ora nasce anche una nuova idea di tennis in carrozzina, che parta dai bambini e che abbia intanto fini sociali e aggregativi, ma che poi – guardando lontano – sia in grado di “produrre” talenti sul campo da gioco.

Stiamo parlando di “Junior Wheelchair Tennis Trophy”, un tour estivo in varie parti d'Italia:

1^ Tappa Cremona; 2^ tappa Torino; 3^ Tappa Verona; 4^ Tappa appunto Sulmona e Castel di Sangro; 5^ Tappa Master Finale Roma.

Il Maestro Giancarlo Bonasia sta seguendo passo passo questo tour ed è fermamente convinto che questa possa essere la strada giusta per dare continuità e risultati al wheelchair tennis.

La Fit guarda e approva, l'Abruzzo fa il tifo per Sulmona e per tutte le altre realtà che amano vincere le scommesse apparentemente impossibili.

 

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi