Tpra in crescita in Abruzzo

I numeri della fase finale sono di assoluto rispetto

di COMITATO | 20 agosto 2019

TPRA, acronimo di Tennis Program Ranking Amateur. Tradotto ancora meglio, circuito rivolto al tennis amatoriale. Negli ultimi tempi sta avendo un grande successo in tutte le regioni italiane e la Federazione sta cavalcando l'entusiasmo e sta provando a renderlo sempre più stabile.

Il TPRA coinvolge nel suo programma le categorie NC e arriva fino ai 4.4 negli incontri di singolare; mentre nel doppio apre anche ai classificati fino a 4.2.

In Abruzzo il suo culmine per il 2019 si è registrato presso l'impianto del CT Pescara con il master finale regionale, a conclusione del circuito Master Gazzetta Tpra Challenge.

I vincitori sono stati poi protagonisti anche durante gli Internazionali di Roma ed è stato un premio alla loro dedizione, ma più in generale è stata una grande festa amatoriale nel senso migliore del termine.

Il tutto coordinato dall'abile regia del Fiduciario abruzzese-molisano Ferdinando De Fenza.

Il grande successo va ascritto innanzitutto all'area pescarese, quindi in tutte le altre province a partire da L'Aquila.

Nel caso del master finale, la partecipazione è stata davvero notevole con oltre 70 iscritti, numeri importanti se rapportati all'estensione territoriale dell'Abruzzo che non può essere certo paragonata ad altre realtà molto più grandi.

Realtà amatoriale, si diceva, ma anche ottimi tennisti che meritano di essere citati.

A cominciare dagli Uomini limit 45 (tipologia di classifica adottata nel Tpra, in questo caso “power da 45 in giù”) Adriano Sebastiani; Uomini limit 65 Giuseppe Porzio; Doppio misto Cingoli-Di Eusanio; Doppio donne Sciarra-Petrelli; Open maschile Marcello Rullo; Open femminile Ginevra Calvi Moscardi; Doppio maschile De Vanna-Ruggeri.

L'obiettivo è far conoscere questa tipologia di circuito e come deve essere impostata, perché è chiaro che il successo è evidente, ma è altrettanto vero che i margini di crescita nel centro dell'Italia tra Abruzzo e Molise, sono enormi.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi