-

A Milano la rincorsa alla A parte… dalla filosofia

Per il secondo anno consecutivo la squadra femminile dello Junior Tennis si ferma ai play-off promozione, ma l’appuntamento con la Serie A2 è solo rimandato. Lo filosofia fondativa del club spinge a guardare oltre e lavorare per i risultati a lungo termine

05 agosto 2020

Per essere certi di non dimenticare la propria mission nemmeno per un secondo, da oltre cinquant’anni la portano direttamente nel nome. Perché quella parola Junior posta accanto a Tennis Milano è l’emblema dell’attività della società del quartiere Forlanini, nato come progetto socio-educativo legato allo sport, e che ancora oggi continua a essere principalmente una scuola di formazione per i giovani. Tutte le risorse vengono investite in funzione della crescita dei ragazzi, comprese quelle rivolte a una squadra femminile che troppo ‘junior' non è più, visto che per il secondo anno di fila è arrivata a un passo dalla promozione nel Campionato di Serie A2.

Purtroppo per le milanesi, i play-off promozione hanno detto di no anche stavolta, perché dopo i successi nel girone contro Tc Triestino, Tc Milano Alberto Bonacossa e Circolo del Castellazzo Parma (peraltro con un solo punto perso in tre incontri), l’urna ha mandato Federica Prati, Francesca Falleni e Krystyna Pochtovyk a giocarsi l’A2 contro le romane del Circolo Canottieri Aniene, una delle formazioni più attrezzate in corsa. Lo 0-4 della sfida di andata ha avvicinato le romane alla promozione, e il 2-1 del ritorno è stato sufficiente per tagliare il traguardo, ma per lo Junior l’appuntamento con la Serie A2 è solamente rimandato.

Dover aspettare un anno in più non è necessariamente un male, specie in una realtà in cui il tennis è un modo per imparare i valori, il piacere di stare insieme e il rispetto. Pure le sconfitte hanno un ruolo ben preciso nel percorso formativo, spesso persino più prezioso rispetto a quello affidato alle vittorie. E poi un anno in più vuol dire altri dodici mesi per permettere alle promesse del vivaio di farsi le ossa sotto la guida di Fantasio Piscopop, accumulare esperienza e ripresentarsi più forti al via del prossimo campionato. Con armi migliori - filosofia compresa - per sgomitare alla conquista di un posto fra le migliori d’Italia.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi