-

Mestre, la tradizione torna in A2

Le venete, dopo una lunga militanza nel massimo campionato, quest'anno si presentano da matricole. L'obiettivo è salvezza

30 settembre 2019

Il Tennis Club Mestre, sebbene sia stato appena promosso in serie A2, ha una lunga esperienza nei campionati maggiori. Negli ultimi 12 anni infatti ha giocato per ben 10 anni in serie A1 e A2, ottenendo, quale miglior risultato, il terzo posto in serie A1 nel 2009.
In serie A2 il Tennis Club Mestre si presenta con la medesima formazione dell’anno scorso. Unica eccezione l’arrivo della francese Irina Ramialison che si alternerà in campo con la croata Tereza Mrdeza.
Da numero due giocherà Federica Trevisan, giovanissima, cresciuta tra le mura amiche, che ha dimostrato le proprie potenzialità anche a livello internazionale, a conferma di aver raggiunto l’obiettivo di far crescere gli atleti di casa.
Da numero tre giocherà l’espertissima e sempre forte Julia Mayr che attualmente ha una classifica che non rispecchia il suo valore. La quarta giocatrice è la giovanissima Valentina Trevisan che ha cominciato a scalare la classifica nazionale con ottime speranze.
La capitana e anima della squadra sarà, anche se non potrà essere sempre in campo, Gianna Doz.
“L’obiettivo, almeno per quest’anno, visto anche il valore delle altre squadre, non potrà che essere la salvezza – ha dichiarato il direttore sportivo Pasquale Marotta -. Abbiamo una squadra di buon livello ma è vietato sottovalutare le nostre avversarie. Iniziamo con la compagine di Torino, che in serie A1 abbiamo incontrato e sconfitto tre volte, ma adesso la situazione è diversa e non dobbiamo abbassare la guardia”.
Avete all’orizzonte, a lungo termine, l’obiettivo di tornare in A1?
“Cerchiamo di fare i passi giusti – ha concluso Marotta – giochiamoci un buon campionato e poi valuteremo anche con i nostri sponsor i passi da fare”.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi