-

CT Maglie: trasferta a Vigevano contro i campioni d’Italia

Sfida molto impegnativa per il club pugliese contro i lombardi guidati da Filippo Baldi e Roberto Marcora che nell'ultima giornata della fare a gironi vanno a caccia della qualificazione alle semifinali scudetto

18 luglio 2020

Un altro fine settimana impegnativo attende il Circolo Tennis Maglie con la sue squadra di A1 e B. La formazione della massima serie è impegnata domenica in trasferta a Vigevano contro i campioni d'Italia del Selva Alta che guidano il campionato insieme al Sassuolo. Ai playoff ne accederà solo una e per questo motivo i vigevanesi daranno l'anima per superare gli emiliani, soprattutto nella differenza tra incontri vinti. Il Selva Alta ha in squadra Roberto Marcora (158 ATP e 1.15), Filippo Baldi (249 ATP e 1.16), Alessandro Bega (353 ATP e 2.1) oltre al francese Antoine Hoang (136 ATP e 1.12), lo spagnolo Tommy Robredo (241 ATP e 1.16) e il ceco Jaroslav Pospil (2.3). Con queste premesse la trasferta della squadra magliese, già nei playout, si presenta veramente impegnativa.

Diversa la situazione in serie B con il CT Maglie che incontrerà in casa, sempre domenica 19 con inizio alle ore 15, il CT Barletta “Simmen”. I magliesi guidano il girone con il TC Trani in perfetta parità di punti e incontri vinti. Ai playoff, per la promozione in A2, accederanno le prime squadre e le due migliori seconde classificate dei 14 gironi. Pertanto sarà importante per i magliesi ottenere il miglior risultato possibile.

Tra serie A1 e B saranno a disposizione Geoffrey Blancaneaux (ATP 267 e 1.20), Jelle Auke Sels (ATP 384 e 2.1), Erik Crepaldi (2.2), Francesco Garzelli (2.3), Lorenzo Maria Lorusso (2.4), Daniel Bagnolini (2.4), Mattia Leo (2.5), Silvio Mencaglia (2.7), Gabriele Frisullo (2.8), Alessio Giordano (2.8), Luigi Corrado (2.8), Samuel Spano (3.2), Alessio Francesco André Lefebvre (3.3), Marco Baglivo (3.4), Salvatore Francesco Montagna (3.4). I ragazzi sono seguiti dal tecnico Michele Pasca , dal preparatore atletico Giorgio Gervasi e dal fisioterapista Paolo Ruberti.


Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi