-

Sorpresa nel torneo femminile: la 17enne Paoletti mette ko la n.1 Paolini

Della giovane perugina si dice un gran bene: ha confermato le sue qualità, ottimo servizio e accelerazioni notevoli, battendo in due set l’azzurra di Fed Cup

02 luglio 2020

E’ stato il risultato più sorprendente del primo turno degli Assoluti femminili e Todi: Matilde Paoletti, 17 anni, ha messo ko la numero uno del tabellone e top 100 del ranking Wta (è numero 95) Jasmine Paolini: 64 … Prima del lockdown per la pandemia da coronavirus la Paoletti ha conquistato il suo primo titolo under 18 in singolare, nel circuito ITF Junior. E lo ha fatto in un Grado 1 in Brasile vincendo, sulla terra di Porto Alegre, il prestigioso “Brasil Junior Cup”. E sette giorni prima aveva trionfato anche nel torneo di doppio dell’altrettanto affascinante e difficile ITF paraguayano di Lambare, un altro Grado 1, in coppia con Asia Serafini. Due successi sudamericani le hanno permesso di scalare velocemente la classifica mondiale juniores arrivando alla 38esima posizione, la prima 2003 italiana a livello di ranking, la seconda in assoluto subito dietro a Melania.

La giovane perugina dallo scorso ottobre si è trasferita al Centro di Preparazione Olimpica di Formia, tappa intermedia di un percorso iniziato molti anni fa dall’Umbria, piccolo laboratorio di talenti, circoli laboriosi, idee vincenti e di maestri coraggiosi. Proprio come Andrea Grasselli, che per quasi un decennio, prima di lasciare il testimone allo staff federale, è stato il maestro e amico di una ragazzina che aveva iniziato ad innamorarsi del tennis a 4 anni, vedendo papà Francesco divertirsi con gli amici al Tennis Club e allo Junior Tennis Perugia, iniziando a palleggiare con il muro della propria abitazione, marinando talvolta la scuola per ammirare le gesta di Roger Federer in televisione. Poi il gioco è diventato passione e i successi non tardano ad arrivare : 4 Lemon Bowl di fila, titoli al Tennis Europe under 12 di Porto San Giorgio, Maglie e Barcellona nella Sanchez-Casal Youth Cup, svariati campionati italiani in singolo e in doppio. A 14 anni Matilde era già tra le migliori promesse d’Europa, con la maglia della nazionale italiana sempre cucita addosso fino ad oggi.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi