-

Che derby a Como: Travaglia rimonta Musetti

Nel challenger in riva al lago al secondo turno il 17enne di Carrara lotta per due ore e 40 con il marchigiano, prima testa di serie. Escono Pellegrino, Quinzi, Brancaccio e Giustino. Debutto positivo per Zeppieri, fuori Moroni e Arnaboldi

27 agosto 2019

Era il match più atteso della seconda giornata al challenger Atp “Città di Como” (46.600 euro di montepremi), la cui 14esima edizione è in corso sui campi in terra battuta del circolo di Villa Olmo, e non ha tradito le attese. E' stato davvero intenso e avvincente il derby tricolore fra Lorenzo Musetti (numero 495 Atp), 17 anni di Carrara, vincitore degli Australian Open Junior, in tabellone con una wild card, e Stefano Travaglia (n.81 Atp), prima testa di serie. Alla fine l'ha spuntata in rimonta, con il punteggio di 36 75 64, dopo due ore e quaranta di lotta, il 27enne marchigiano di Ascoli Piceno, reduce dalle qualificazioni agli US Open, staccando così il pass per gli ottavi di finale. Travaglia giovedì si giocherà un posto nei quarti con il croato Viktor Galovic (n.224 Atp), 13esima testa di serie, che ha sbarrato la strada al secondo turno a Raul Brancaccio (n.274 Atp), battuto 61 75. 

Il secondo turno è stato invece fatale ad altri tre azzurri. Gianluigi Quinzi (n.313 Atp) contro l'australiano Christopher O'Connell (n.221 Atp), numero 12 del seeding, vincitore due settimane fa del challenger di Cordenons, è stato costretto al ritiro per infortunio sul punteggio di 62 67(4) 1-1, Andrea Pellegrino (n.322 Atp) è stato superato per 63 26 62 dall'argentino Facundo Bagnis (n.164 Atp), nono favorito del seeding, mentre Lorenzo Giustino (n.128 Atp), quinta forza del tabellone, entrato in scena direttamente al secondo turno, è stato eliminato per 63 62 dall’argentino Facundo Mena (n.266 Atp).

Esordio positivo per il 17enne Giulio Zeppieri (n.470 atp), in gara con una wild card, che ha liquidato per 62 60 l'uzbeko Khumoyun Sultanov (n.370 Atp), proveniente dalle qualificazioni: prossimo avversario del mancino di Latina sarà lo sloveno Blaz Rola (n.127 Atp), quarto favorito del tabellone.
Semaforo rosso invece per il canturino Andrea Arnaboldi (n.295 Atp), che ha ceduto con un doppio 64 al francese Sadio Doumbia (n.292), atteso ora al secondo turno da Filippo Baldi (n.146 Atp), settima testa di serie. Niente da fare anche per Gian Marco Moroni (n.270 Atp), sconfitto 60 61 dal colombiano Gonzalo Escobar (n.363 Atp), pure lui qualificato. 

Caruso e Giannessi debuttano mercoledì

Entreranno in scena direttamente al secondo turno - mercoledì - anche Alessandro Giannessi (n.150 Atp), ottava testa di serie, che avrà come avversario il francese Johan Tatlot (n.343 Atp), e Salvatore Caruso (n.102 Atp), secondo favorito del torneo e campione in carica, opposto al britannico Jan Choinski (n.290 Atp). Riccardo Bonadio (n.336 Atp) sfiderà lo slovacco Andrej Martin (n.124 Atp), sesto favorito del seeding e reduce dalla finale al challenger dell'Aquila. 

ORDINE DI GIOCO

SINGOLARE

DOPPIO

QUALIFICAZIONI

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi