-

L’Aquila Challenger: occhio a Collarini, argentino d'Italia

La pioggia continua a disturbare il torneo sui campi del Circolo Tennis “Peppe Verna” costringendo a spostarsi indoor per terminare i quarti di finale: il mancino classe '92 annulla 3 match point a Cerundolo nel derby albiceleste e affronterà lo spagnolo Taberner. Si giocano l'altro posto in finale lo slovacco Martin e il kazako Popko

24 agosto 2019

Si va definendo il quadro dei semifinalisti agli Internazionali di Tennis Città dell’Aquila - Aterno Gas & Power Tennis Cup, quarto ATP Challenger della stagione targato MEF Tennis Events (montepremi 46.600 euro), in svolgimento sui campi in terra battuta del Circolo Tennis L’Aquila “Peppe Verna”, dove la pioggia degli ultimi due giorni sta mettendo i bastoni fra le ruote agli organizzatori.

C’è ancora un po’ di Italia in gara, considerando che Andrea Collarini (numero 306 Atp), nato a New York, argentino di nazionalità e italiano di passaporto (il trisavolo era di Garlasco), ha fatto suo il testa a testa al cardiopalma con il connazionale Francisco Cerundolo (n.275 Atp), 14esima testa di serie, concluso con il punteggio di 26 62 76(6) in 2 ore e 7 minuti di gioco. Un incontro entusiasmante interrotto per pioggia all’inizio del secondo set e disputato su due superfici, in cui il mancino classe ’92 ha annullato 3 match point consecutivi prima di trionfare. Sono partito male sulla terra rossa, il campo era molto pesante a causa della pioggia degli ultimi giorni - racconta Collarini -. Una volta trasferiti sull’erba indoor ho trovato, ovviamente, condizioni di gioco totalmente differenti. Mi sentivo tranquillo, non avevo molto da perdere. Conquistato il secondo set, il match è diventato una battaglia: sono felicissimo di aver vinto annullando 3 match point al tie-break”. Poi la riflessione in vista della semifinale contro lo spagnolo Carlos Taberner: “Lo conosco, la terra è la sua superficie preferita. È forte, ci sarà sicuramente da lottare”.

Proprio il valenciano classe '97 (n.287 Atp) era stato il primo a staccare il pass per le semifinali sbarazzandosi per 63 61, in appena 51 minuti di gioco, dell'australiano Aleksandar Vukic (n.274 Atp), numero 9 del tabellone. Non mi aspettavo una vittoria così agevole. Ho affrontato un avversario con un gran servizio che veniva da ottime prestazioni. Inoltre la pioggia ha reso il campo diverso rispetto ai match precedenti: sono contento di aver raggiunto la semifinale”, il commento di Taberner, prima di soffermarsi sul prosieguo della stagione: “Non mi pongo traguardi in termini di classifica. Ogni volta che scendo in campo il mio obiettivo è vincere quel determinato match. Mi sento molto bene in questo periodo (due semifinali Challenger nell’ultimo mese, ndr) e posso dire soltanto che farò del mio meglio per concludere la stagione nel migliore dei modi”.

E' approdato al penultimo atto del torneo anche il 22enne kazako Dmitry Popko (n.262 Atp), terzo favorito del tabellone, regolando per 76(8) 62 il tedesco Johannes Haerteis (n.412 Atp). Sarà proprio Popko domenica mattina a giocarsi un posto in finale con lo slovacco Andrej Martin (n.137 Atp), primo favorito del seeding, che nell'ultimo quarto è riuscito a prevalere in rimonta, per 36 76(2) 64, sul brasiliano Guilherme Clezar (n.431 Atp), 26enne di Porto Alegre.  

Ordine di gioco e risultati

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi