-

Forlì 2: "maratoneta" Cobolli centra i quarti, si ferma Viola

Nel secondo turno del Challenger sul veloce indoor romagnolo il Next Gen romano piega al tie-break decisivo il russo Kotov dopo 3 ore e 40 di lotta. Il 34enne di Mestre cede allo statunitense Cressy, secondo favorito del seeding

di | 02 dicembre 2021

Pavel Kotov e Flavio Cobolli challenger Forlì 2

Pavel Kotov e Flavio Cobolli prima del match

Flavio Cobolli dopo un match-maratona ha centrato l'ingresso nei quarti di finale del "Città di Forlì", torneo Challenger ATP dotato di un montepremi di 44.820 euro in svolgimento sul veloce indoor della città romagnola.

Il 19enne tennista romano (n.208 del ranking ATP, altro "best" per lui), dopo essersi aggiudicato in rimonta il derby tricolore con Andrea Arnaboldi (n.266 ATP), al secondo turno si è ripetuto ai danni del russo Pavel Kotov (n.270 ATP), imponendosi con il punteggio di 67(3) 76(6) 76(7), al termine di un confronto durato ben tre ore e 39 minuti,, confermando così il risultato ottenuto quest'anno al primo turno del challenger di Barletta (terra battuta) dove poi il Next Gen azzurro è giunto in finale. Cobolli, dopo aver ceduto la prima frazione, ha saputo recuperare un break di svantaggio sia nel secondo che nel terzo set, e nel decisivo tie-break dal 3 a 5. 

Prossimo avversario per il giovane giocatore capitolino sarà venerdì l'austriaco Jurij Rodionov (n.141 ATP), quarta testa di serie: non ci sono precedenti tra Cobolli e il 22enne mancino residente a Vienna, che domenica ha colto la prima vittoria in Coppa Davis superando il tedesco Dominik Koepfer.

E' invece uscito di scena al secondo turno Matteo Viola (n.304 ATP), 34enne di Mestre, che dopo l’affermazione in tre set sul tedesco Yannick Maden (n.300 ATP) nel match che chiudeva il programma di giornata ha ceduto per 64 64, in un'ora e un quarto di gioco, allo statunitense Maxime Cressy (n.122 ATP), secondo favorito del torneo, nel primo incrocio fra i due nel tour.

ORDINE DI GIOCO

SINGOLARE

DOPPIO

QUALIFICAZIONI

Una difesa in allungo di Matteo Viola

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti