-

Vesuvio Cup: anche Moroni e Agamenone ai quarti

Completato il 2° turno nel challenger sui campi di Ercolano: il romano si aggiudica in tre set il derby con Cecchinato, secondo favorito del seeding, l'italo-argentino supera in rimonta il francese Bourgue. Anche Cobolli e Giustino già fra i migliori 8 del torneo

14 ottobre 2021

Franco Agamenone

Franco Agamenone e Gian Marco Moroni hanno centrato un posto tra i migliori otto della “Vesuvio Cup”, Challenger Atp dotato di un montepremi di 44.820 dollari che si sta avviando alle fasi decisive sui campi in terra battuta dello Sporting Poseidon di Ercolano.

Altro esame di francese superato dall'italo-argentino (n.226 ATP) che, dopo aver eliminato all’esordio Hugo Gaston (n.112 ATP), terzo favorito del torneo, reduce dalla finale nel challenger di Barcellona, ha battuto in rimonta per 57 76(3) 61, dopo una battaglia di quasi due ore e mezza,  Mathias Bourgue (n.201 ATP). Prossimo avversario per Agamenone - venerdì - sarà lo spagnolo Bernabe Zapata Miralles, n.122 del ranking e 7 del seeding: non ci sono precedenti tra i due.

Il 23enne romano (n.207 ATP), che nel turno precedente aveva sconfitto il ceco Jonas Forejtek (n.316 ATP), proveniente dalle qualificazioni, si è invece aggiudicato, anche lui in rimonta, per 36 61 64, dopo oltre un'ora e tre quarti di partita, il derby tricolore contro Marco Cecchinato (n.82 ATP), seconda testa di serie, vittorioso al debutto sullo svizzero Marc-Andrea Huesler (n.160 ATP).
Venerdì Moroni si giocherà un posto nelle semifinali con lo statunitense Alexander Ritschard (n.302 ATP), proveniente dalle qualificazioni: anche in questo caso si tratta di una sfida inedita.

Il diritto di Flavio Cobolli

Lorenzo Giustino colpisce di diritto (foto #teambomber)

Avevano già staccato mercoledì il pass per i quarti anche Flavio Cobolli e Lorenzo Giustino, chiamati venerdì a un testa a testa tutto italiano che vale l’ingresso in semifinale.
Il 19enne romano (n.243 ATP) ha prima battuto il croato Duje Ajdukovic (n.261 ATP), semifinalista qualche giorno fa a Napoli, e poi ha fatto suo il testa a testa fra Next Gen azzurri con Matteo Arnaldi (n.439 del ranking ATP), in tabellone con una wild card.
Dal canto suo il 30enne campano (n.213 ATP) si è imposto al primo turno sul croato Nino Serdarusic (n.235 ATP) e al secondo ha eliminato, dopo oltre tre ore di lotta, lo slovacco Andrej Martin (n.120 ATP), sesto favorito del seeding.

Il giovane tennista capitolino si è aggiudicato l'unico precedente con Giustino, il mese scorso, al primo turno del challenger di Siviglia.

Marco Cecchinato in azione

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti