-

Bari: i derby promuovono Fabbiano e Vavassori alle semifinali, poi la pioggia

Nei quarti del challenger sul cemento del Country Club il pugliese piega in tre set Brancaccio, mentre Baldi è costretto al ritiro per infortunio contro il piemontese. Interrotti per maltempo gli altri due match nel segno di Italia-Germania: Cobolli sfida Otte, n.3 del seeding, e Nardi opposto a Masur

26 novembre 2021

Thomas Fabbiano Bari challenger

Thomas Fabbiano (foto FB Open Città Bari)

La pioggia mette lo zampino anche nella giornata dedicata ai quarti di finale, con ben sei tennisti italiani impegnati, dell’“Open Città di Bari”, torneo Challenger ATP con un montepremi di 44.820 euro in svolgimento nel capoluogo pugliese, sui campi in cemento del Country Club. Causa maltempo solo due incontri si sono conclusi, mentre gli altri due sono stati interrotti e proseguiranno sabato.

Andrea Vavassori (n.281 ATP) è stato il primo degli azzurri a staccare il pass per le semifinali: dopo aver estromesso il serbo Nikola Milojevic (n.136 ATP), numero 5 del seeding, ed essersi imposto in rimonta su Andrea Pellegrino (n.218 del ranking ATP) annullando ben 5 match-point nel tie-break del secondo set, il 26enne piemontese ha avuto via libera sul punteggio di 63 1-3 in favore di Filippo Baldi (n.409 ATP ma in gara con il ranking protetto) per il ritiro, a causa di un infortunio alla schiena, del 25enne di Vigevano, in precedenza vincitore sul russo Pavel Kotov (n.267 ATP) e su Andrea Arnaboldi (n.265 ATP).

Vavassori nella parte bassa del tabellone si giocherà sabato l'ingresso in finale con il vincente del match tra Luca Nardi (n.460 ATP), in tabellone con una wild card, che ha eliminato lo statunitense Maxime Cressy (n.122 ATP), quarta testa di serie, e il tedesco Julian Lenz (n.317 ATP), e l'altro tedesco Daniel Masur (n.204 ATP), ottavo favorito del seeding, mai affrontato prima dal 18enne di Pesaro.
Come detto, l'incontro è stato interrotto sul 5-5 nel primo set a causa della pioggia, che sta disturbando non poco il torneo.

L'altro derby tricolore, andato in scena sul Centrale, ha promosso Thomas Fabbiano (n.213 ATP): dopo i successi su Roberto Marcora (n.199 ATP), sesta testa di serie, e sul mancino britannico Jack Draper (n.259 ATP), il 32enne di San Giorgio Jonico si è imposto per 62 57 62, dopo un'ora e tre quarti di gioco, su Raul Brancaccio (n.307 ATP), 24enne di Torre del Greco che aveva sconfitto Luca Potenza (n.589 ATP), in gara con una wild card, e poi lo spagnolo Carlos Taberner (n.101 ATP), primo favorito del torneo.  

Fabbiano in semifinale troverà dall'altra parte della rete il vincente della sfida - sospesa per il maltempo sul 2-2 nel primo set - fra Flavio Cobolli (n.214 ATP), in precedenza a segno in tre set sullo spagnolo Nikolas Sanchez Izquierdo (n.315 ATP) e sul tedesco Tobias Kamke (n.250 ATP), e il tedesco Oscar Otte (n.112 ATP), terza testa di serie, mai affrontato prima dal 19enne capitolino, fresco di premiazione come miglior Next Gen ai SuperTennis Awards 2021.

ORDINE DI GIOCO

SINGOLARE

DOPPIO

QUALIFICAZIONI

Il diritto di Luca Nardi (foto Milesi)

Raul Brancaccio al Challenger di Bari

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti