-

Giorgi avanza a Parigi: troppa Ostapenko per Bronzetti, out anche Paolini

Camila, 28esima testa di serie, batte in rimonta la cinese Zhang. Lucia raccoglie solo cinque giochi contro la lettone, tredicesima favorita del seeding e campionessa nel 2017. Jasmine perde la prosecuzione del match con la rumena Begu. Mercoledì torna in campo per il secondo turno Trevisan

di | 24 maggio 2022

Camila Giorgi colpisce di diritto (foto Getty Images)

Camila Giorgi colpisce di diritto (foto Getty Images)

Riassapora il gusto della vittoria dopo quattro mesi Camila Giorgi, che ha superato il primo turno del Roland Garros, secondo Slam del 2022, in corso sulla terra rossa parigina.

La 30enne di Macerata, n.30 del ranking e 28 del seeding, ha battuto in rimonta 36 62 62, dopo una battaglia di quasi due ore, la cinese Shuai Zhang, n.41 WTA, in gara per la dodicesima volta a Parigi con gli ottavi nel 2020 come miglior risultato.  

Un solo precedente, favorevole alla 33enne di Tianjin che aveva battuto la marchigiana nei quarti sul cemento di Seoul nel 2016. Camila è partita bene strappando la battuta a zero alla sua avversaria (1-0), ha confermato il vantaggio (2-0) e lo ha difeso fino al 3-1, anche se proprio nel quarto gioco ha dovuto recuperare da 0-40, il segnale che qualcosa stava cambiando. Ed infatti da lì in avanti Zhang ha infilato una striscia di cinque game chiudendo il primo set per 6-1.

Con un doppio fallo la cinese ha regalato il break all’azzurra in avvio di seconda frazione (2-0) ma commettendo tre doppi falli Camila glielo ha immediatamente restituito (2-1). Il turno di battuta è diventato un optional in una partita abbastanza bruttina, illuminata di tanto in tanto da qualche fiammata (3-1). Giorgi ha fallito la chance del 4-1 ma tra break e contro-break è comunque riuscita a rimanere avanti nel punteggio (4-2). E poi dopo un combattutissimo settimo game nel quale ha annullato tre palle-break Giorgi vincendo gli ultimi sei punti ha pareggiato il conto (6-2).

Camila ha iniziato decisa nella frazione decisiva, dove il livello del tennis di entrambe è nettamente migliorato, e nel quarto game è tornata a strappare il servizio alla cinese (3-1): poi dopo aver recuperato da 15-40 ha allungato sul 4-1. L’azzurra si è presa un secondo break (5-1) e nel settimo gioco ha mancato tre match-point (brava la Zhang: 5-2) ma in quello successivo non si è lasciata sfuggire l’occasione (6-2), interrompendo finalmente la striscia di sette sconfitte consecutive all’esordio.

Giorgi - nona presenza nel tabellone principale dello Slam francese per la marchigiana che all’ombra della Tour Eiffel vanta un terzo turno raggiunto nel 2018, fermata dalla statunitense Stephens (poi arrivata fino in finale) - al secondo turno affronterà per la prima volta in carriera la kazaka Yulia Putintseva, 27enne di origini moscovite, n.37 del ranking, alla nona partecipazione al Roland Garros dove ha raggiunto due volte i quarti (2016 e 2018). 

Lucia Bronzetti colpisce di diritto (foto Getty Images)

Nulla da fare, invece, per Lucia Bronzetti. La 23enne riminese di Villa Verucchio, n. 73 WTA (“best ranking”), semifinalista la scorsa settimana a Rabat (stoppata da Trevisan), non troppo fortunata nel sorteggio, è stata sconfitta 61 64, in appena 67 minuti di partita, dalla lettone Jelena Ostapenko, n.13 del ranking e 13 del seeding, regina del Roland Garros nel 2017, capace di mettere a segno la bellezza di 38 vincenti.

La 24enne di Riga, alla settima partecipazione a Parigi, ha brillato (anche se tanto) solo l’anno che ha vinto: per il resto era uscita sempre al primo turno tranne che nel 2020, quando si era fermata al terzo. La romagnola era invece alla sua prima presenza nel main draw parigino: per lei solo una precedente partecipazione ad un Major all’attivo (lo scorso gennaio agli Australian Open quando, dopo aver superato le qualificazioni, aveva battuto la russa Gracheva prima di cedere all’idolo di casa Barty).

Per avere chance Lucia, scesa in campo con il gomito destro fasciato, avrebbe dovuto incontrare la versione di Jelena successiva al torneo di Doha (fino a quel momento in questo 2022 aveva tenuto un rendimento altissimo), cioè quella che aveva perso sempre all’esordio negli ultimi quattro tornei. Ed invece Bronzetti si è ritrovata davanti una Ostapenko centratissima, micidiale in risposta e in grado di attaccare praticamente su ogni palla con quell’anticipo che è la sua caratteristica migliore.

Il primo set è volato via in un niente con la romagnola che ha tenuto il primo turno di servizio (1-1) ma che poi ha incassato un parziale di otto giochi di fila con la lettone che si è assicurata per 6-1 la prima frazione ed ha preso subito due break di vantaggio anche nel secondo set (3-0). Lucia se n’è ripreso uno rifacendosi sotto (3-2) ma soprattutto frenando l’emorragia con l’aiuto di qualche errore di Jelena. Al cambio campo l’azzurra ha rimediato un “warning” per “coaching” e non l’ha presa benissimo. Ostapenko ha cancellato la palla del tre pari e con un ace è salita 4-2: poi si è limitata a controllare la romagnola, che qualche problema in più glielo ha creato, ed ha chiuso 6-4. 

Jasmine Paolini colpisce di diritto (foto Getty Images)

Fuori anche Jasmine Paolini, n.55 WTA, che ha ceduto 46 61 76(10-5), dopo oltre due ore di gioco, alla rumena Irina-Camelia Begu, n.63 del ranking, all’undicesima presenza a Parigi con gli ottavi del 2016 come performance migliore. L'incontro era stato interrotto lunedì sera dalla pioggia all’inizio della frazione decisiva.

La 31enne di Bucarest aveva vinto due delle tre sfide precedenti con l’azzurra, e proprio le ultime in ordine di tempo. Per la 26enne toscana di Castelnuovo di Garfagnana era la quarta partecipazione al Roland Garros dove negli ultimi due anni aveva sempre ha superato un turno. Scesa in campo lunedì sera con una vistosa fasciatura al ginocchio destro, Jasmine ha iniziato male perdendo la battuta già in avvio con Begu che ne ha approfittato per salire 2-0. Una Paolini un po’ troppo fallosa ha rischiato il doppio break sia nel terzo che nel settimo gioco ed ha invece finito per essere lei a mettere a segno il contro-break nell’ottavo (4-4). Rinfrancata l’azzurra ha completato l’opera assicurandosi il primo set per 6-4 con il quarto game vinto consecutivamente.

Nella seconda frazione, però, Jasmine è calata vistosamente e, dopo aver tenuto il turno di servizio in avvio, ha incassato un parziale di sette giochi di fila dalla rumena che non solo ha pareggiato il conto (6-1) ma è anche partita con il piede giusto nel set decisivo (1-0). Nel secondo gioco, dopo aver mancato due opportunità dell’uno pari, Paolini ha offerto una palla-break ma proprio in quel momento ha iniziato a piovere forte ed il giudice di sedia ha sospeso il match.

Alla ripresa della sfida - martedì - Begu ha centrato subito il break (2-0) allungando poi ancora con il nono game di fila (3-0). Paolini ha frenato l’emorragia (3-1), ha messo a segno il contro-break dopo che la rumena aveva provato a risalire da 0-40 a 30-40 (3-2) e poi ha completato la rimonta (3-3). La 31enne di Bucarest ha continuato a sbagliare tanto incentivando il sorpasso dell’azzurra (5-3): poi improvvisamente si è “riaccesa” riagguantandola sul 5 pari. Nel dodicesimo game Jasmine è stata brava a recuperare da 0-30 e a decidere è stato il super tie-break. Paolini è stata avanti 3-1, ha recuperato da 3-5 a 5-5, ma poi Begu ha dimostrato una maggiore freddezza vincendo gli ultimi cinque punti aggiudicandosi per 10-5 il primo super tie-break della storia del Roland Garros.

Martina Trevisan esulta (foto Getty Images)

Già al secondo turno, invece, Martina Trevisan. Lunedì la 28enne mancina di Firenze, n.59 WTA (“best ranking”), reduce dal primo titolo WTA conquistato a Rabat, ha “asfaltato” 60 62, in un’ora e 25 minuti di partita, la britannica Harriet Dart, n.111 del ranking, all’esordio assoluto a Parigi.

Per la tennista toscana - alla terza partecipazione allo Slam francese dove nel 2020 ha raggiunto, partendo dalle qualificazioni, uno splendido quarto di finale, fermata solo dalla futura vincitrice del torneo, la polacca Swiatek - secondo turno mercoledì contro la polacca Magda Linette, n.52 WTA, all’ottavo Roland Garros (due terzi turni per lei, 2017 e 2021), che all’esordio ha eliminato a sorpresa la tunisina Ons Jabeur, n.6 del ranking e del seeding. Tra l’azzurra e la 30enne di Poznan non ci sono precedenti.  

RISULTATI

“Roland Garros”
Grand Slam
Parigi, Francia
22 maggio - 5 giugno
€43.600.000 - terra rossa

SINGOLARE

Primo turno

(13) Jelena Ostapenko (LAT) b. Lucia Bronzetti (ITA) 61 64

Irina-Camelia Begu (ROU) b. Jasmine Paolini (ITA) 46 61 76(10-5)

(28) Camila Giorgi (ITA) b. Shuai Zhang (CHN) 36 62 62

Martina Trevisan (ITA) b. Harriet Dart (GBR) 60 62

Secondo turno

(28) Camila Giorgi (ITA) c. Yulia Putintseva (KAZ)

Martina Trevisan (ITA) c. Magda Linette (POL)  - mercoledì, Court 13, 4° match a partire dalle ore 11 

DOPPIO

Primo turno

Jasmine Paolini/Martina Trevisan (ITA) c. (10) Lucie Hradecka/Sania Mirza (CZE/IND)

Lucia Bronzetti/Julia Lohoff (ITA/NED) c. (4) Cathy McNally/Shuai Zhang (USA/CHN)

ORDINE DI GIOCO

TABELLONE SINGOLARE

TABELLONE DOPPIO

TABELLONE QUALIFICAZIONI

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti