-

Ortisei: Hoang-Ivashka è la sfida per il titolo

Ha scelto i suoi finalisti lo "Sparkasse Challenger Val Gardena Südtirol": nella semifinale della parte alta del tabellone il francese si è aggiudicato in tre set il derby con il connazionale Muller, nella sfida della parte bassa il bielorusso ha liquidato in due set il russo Karatsev

21 novembre 2020

Antoine Hoang (foto Strimmer)

Antoine Hoang (foto Strimmer)

Saranno Antoine Hoang e Ilya Ivashka a contendersi domenica il trofeo dello "Sparkasse Challenger Val Gardena Südtirol", torneo challenger ATP con un montepremi di 44.820 euro che si sta avviando alla conclusione sul veloce indoor di Ortisei.

Un solo precedente tra i due finalisti nel 2018 nelle qualificazioni del torneo ATP di Anversa vinto da Ivashka (63 63).

Nella parte alta del tabellone Hoang, n.126 ATP e quinto favorito del seeding, si è aggiudicato in rimonta per 36 62 62, in poco meno di un'ora e tre quarti di partita, la sfida tutta francese con Alexandre Muller, n.214 ATP, che nei quarti aveva annullato tre match-point all’ucraino Marchenko, n.213 ATP.

Per Hoang sarà la quarta finale challenger in carriera e tenterà di vincere il secondo titolo dopo Eckental 2018. È stata una prima semifinale nella quale era partito meglio Muller, che dopo la maratona di venerdì contro Illya Marchenko sfrutta la sua unica palla break nel quarto game, che gli basta per vincere il set chiudendolo al terzo set-point dopo avere annullato una pericolosa palla break nel nono game. Hoang si innervosisce, ma alla quarta occasione toglie finalmente il servizio a Muller nel sesto game del secondo set e si porta avanti 4-2. Il match cambia del tutto quando Muller si infortuna a fine set e lo perde 2-6 commettendo due doppi falli. Al cambio di campo chiama il fisioterapista per un problema addominale, che gli crea fastidi quando deve servire nel terzo set. Prova addirittura a servire da sotto. Hoang riesce a piazzare non senza fatica due break che gli valgono la finale.

Nell'altra semifinale invece successo in due set del bielorusso Ivashka, n.113 ATP e seconda testa di serie, che ha battuto per 64 64, in un'ora e 26 minuti di gioco, il russo Aslan Karatsev, n.111 ATP e terza testa di serie, che nei quarti aveva stoppato la corsa di Federico Gaio, n.139 del ranking e sesto favorito del seeding.

La semifinale più prestigiosa ha mantenuto le promesse. Karatsev ha preso subito il largo e grazie al break a zero nel secondo game ha condotto per 4-1. La reazione di Ivasha non si lascia attendere. Il bielorusso, che domenica va a caccia del secondo challenger in stagione dopo Istanbul e il quarto in carriera, infila sette game di fila, togliendo per ben tre volte il servizio a Karatsev e portandosi in vantaggio 64 2-0. Il break all’inizio del secondo set alla fine gli basterà per vincere il match. Non è comunque una passeggiata. Karatsev lotta, si procura una palla break nel sesto game. Annullata da Ivashka con un ace. Il russo ha l’ultima possibilità nel decimo game, ci sono altre due palle break, ma le risposte al servizio del bielorusso non rimangono in campo e svanisce il sogno di portare il match al terzo. Ivashka chiude al primo match point dopo 86 minuti di gioco.

Ilya Ivashka (foto Strimmer)

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti