-

Jacobs e Tamberi, ori da leggenda: l'omaggio dei tennisti azzurri

I campioni del tennis hanno celebrato la doppia impresa di Marcell Jacobs e Gianmarco Tamberi, che hanno regalato all'Italia una delle più belle giornate della sua storia sportiva nell'atletica alle Olimpiadi

01 agosto 2021

Un sogno così forse non tornerà mai più. Nel giro di una decina di minuti, Gianmarco Tamberi e Marcell Jacobs hanno conquistato due ori da leggenda alle Olimpiadi di Tokyo 2020. "Jimbo" ha condiviso con il qatariota Barshim, suo grande amico, l'oro nel salto in alto. Una gara attesa da cinque anni. Prima dei Giochi di Rio 2016, infatti, si era infortunato alla caviglia. E quelle Olimpiadi le aveva guardate da casa, bloccato con un gesso alla gamba. Quel gesso, con la scritta "Road to Tokyo" l'ha portato in pedana con lui.

Jacobs, primo italiano in una finale a cinque cerchi nei 100 metri, è poi diventato l'uomo più veloce del mondo con il nuovo record europeo. Due gtare che hanno travolro l'Italia con un'ondata di emozioni. Naturalmente, i campioni del tennis non sono certo rimasti indifferenti di fronte alla storia.

Matteo Berrettini, che si era detto devastato per l'infortunio che gli ha impedito di essere presente a Tokyo, ha tifato e gioito, come tutta l'Italia sportiva, per le due imprese ravvicinate di Tamberi e Jacobs, uniti in un abbraccio che li lega nella leggenda dello sport italiano. Il numero 1 del tennis italiano ha scelto la stessa foto condivisa, sempre nelle storie Instagram, anche da Jasmine Paolini.

Fognini ha pubblicato nelle storie Instagram un breve video, in realtà una foto con l'animazione di un tachimetro che vola sempre più veloce. Quanto nessuno può più saperlo. Quanto Marcell Jacobs, prima medaglia olimpica per l'Italia nella velocità.

 

Anche Jannik Sinner guarda le Olimpiadi ed evidentemente con passione, come dimostrano le sue storie Instagram che hanno per protagonisti i due eroi sportivi di una giornata impossibile da dimenticare.

L'azzurro, che deve cercare di mettersi alle spalle la più lunga serie di sconfitte consecutive della sua giovane carriera, si emoziona e gioisce con lo sprinter che doma anche gli statunitensi e i giamaicani. E non può non esultare per la storia di riscatto e rinascita di Tamberi, infortunato cinque anni fa prima dei Giochi di Rio, in pista con il gesso simbolo di quella delusione trasformata in motivazione e gioia a Tokyo.

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti