-

Todi: avanti Moroni, Giannessi e Gaio. Un sospetto positivo in isolamento

Sulla terra del Tennis Club della città umbra subito fuori Giustino, Vavassori, Arnaboldi e Viola. Da venerdì match live su SuperTennis

di | 17 agosto 2020

Gian Marco Moroni al challenger di Todi 2020

La soddisfazione di Gian Marco Moroni (foto Magni)

Buona la prima per Gian Marco Moroni, Alessandro Giannessi e Federico Gaio agli Internazionali di tennis Città di Todi, challenger ATP 100 dotato di un montepremi di 88.520 euro ed organizzato da MEF Tennis Events, in corso sui campi del Tennis Club della città umbra, primo torneo internazionale maschile post lockdown (SuperTennis, la tv della FIT trasmetterà live i match da venerdì).

Moroni (n.236 ATP) si è sbarazzato per 63 62, in poco più di un’ora e un quarto di partita, del 17enne spagnolo Carlos Alcaraz (n.318 ATP), proveniente dalle qualificazioni, uno tra i giovani più interessanti del panorama internazionale, allenato dall’ex number one Juan Carlos Ferrero. Una prestazione entusiasmante che soddisfa pienamente il 22enne romano: “Sono partito molto bene sia nel primo sia nel secondo set strappandogli il servizio in apertura, sono stato più solido di lui. Avevo visto i suoi match nelle qualificazioni: ha un grandissimo dritto, risponde benissimo ed è molto forte di testa. E poi immagino che essere allenato e seguito da Juan Carlos Ferrero possa portargli enormi benefici”. Al secondo turno Gian Marco troverà il tedesco Daniel Altmaier (n.219 ATP) che ha sconfitto per 36 63 62, dopo oltre due ore e un quarto di lotta, Lorenzo Giustino, ottava testa di serie (n.153 ATP).

Giannessi (n.160 ATP) da parte sua si è imposto per 62 63, in un’ora e 18 minuti di partita, sul francese Maxime Janvier (n.191 ATP). Prossimo avversario per il 30enne di La Spezia sarà Gaio, terza testa di serie (n.130 Atp), che ha superato in rimonta Matteo Viola (n.222 ATP): 36 63 75 lo score dopo due ore e 22 minuti di partita.

Subito fuori, invece, i qualificati Andrea Vavassori (n.303 ATP), battuto 61 63 in 65 minuti dal tedesco Cedrik-Marcel Stebe, quarto favorito del torneo, e Andrea Arnaboldi (n.282 ATP), sconfitto 63 76(3), in un’ora e 51 minuti, dall’altro spagnolo Mario Vilella Martinez (n.188 ATP).

 

Lorenzo Musetti (foto Sposito)

In tabellone ci sono altri 5 tennisti italiani, tutti in campo martedì: Roberto Marcora (n.158 ATP) troverà sulla sua strada lo spagnolo Bernabe Zapata Miralles (n.212 ATP), Marco Cecchinato, secondo favorito del torneo (n.113 ATP), esordirà con l’argentino Andrea Collarini (n.198 ATP), mentre sarà derby tra wild card tricolore quello tra Francesco Forti (n.446 ATP) e Lorenzo Musetti (n.284 ATP). In serata la wild card Giulio Zeppieri (n.371 ATP) dovrà vedersela contro l’altro argentino Renzo Olivo (n.209 ATP).

Sospetta positività al Covid-19 rilevata lunedì 17 agosto. Il giocatore, facente parte del tabellone di doppio, è stato messo in isolamento come da protocollo e, grazie alle misure di sicurezza attuate da ATP e MEF Tennis Events, non è mai entrato in contatto con le zone protette del circolo. Il tennista in questione è asintomatico e sarà sottoposto, domani, ad un nuovo test. L’atleta continuerà ad essere monitorato. Il torneo prosegue nel pieno rispetto delle misure di sicurezza in campo e fuori. Giocatori, allenatori e addetti ai lavori sono controllati con continuità dallo staff, che ha allestito il Tennis Club Todi 1971 seguendo le indicazioni delle autorità e dell’ATP per garantire il regolare svolgimento dell’evento.
Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti