-

Federer all’infermiera tifosa: “Sei un’eroina, stai salvando vite”

Il campione svizzero è intervenuto in diretta a Espn salutando il personale ospedaliero di New York che sta combattendo il coronavirus. Un pensiero che assume ancor più valore oggi, giorno in cui si celebra la “Giornata internazionale degli infermieri”

di Angelo Mancuso | 12 maggio 2020

Roger Federer ha fatto una sorpresa tanto inaspettata quanto gradita a Christianne Calderon, un’infermiera di New York impegnata in prima linea contro il covid-19 e sua grande fan. Il campione svizzero è intervenuto in videochiamata durante la diretta del programma di ESPN condotto da Tom Rinaldi per rivolgere il suo personale “grazie” a Christianne e a tutto il personale medico che sta affrontando questo momento difficile. “La gente pensa che gli sportivi siano supereroi - le parole di King Roger - ma è quello che pensiamo di persone come te Christianne. Sei un’eroina perché salvi le vite, facendo la differenza”. Nei giorni scorsi la Roger Federer Foundation ha donato un milione di dollari per fornire pasti a 64mila bambini africani e alle loro famiglie che con le scuole chiuse non hanno sostentamento. E nelle scorse settimane lo stesso Federer con la moglie Mirka era sceso in campo mettendo subito sul piatto un milione di franchi svizzeri per sostenere subito le famiglie meno abbienti, con figli a carico, messe in difficoltà dalla pesante crisi economica che la pandemia sta provocando. Oltre a Federer, l’emozionata infermiera ha ricevuto anche il saluto di Eli Manning, ex giocatore dei New York Giants.

Anche Fabio Fognini ha voluto ringraziare con un post molto toccante sul proprio profilo Twitter tutte quelle persone che stanno rischiando la propria vita salvando quella del prossimo. Stiamo parlando di infermieri, medici, OSS e volontari che il ligure ha voluto ringraziare così: "Siete degli angeli".

Pensieri da parte dei campioni dello sport che assumono ancor più valore oggi, giorno in cui si celebra appunto la “Giornata internazionale degli infermieri”, una categoria al centro della cronaca per il servizio che sta dando all'intera comunità per combattere il coronavirus. Sui social si moltiplicano i messaggi di solidarietà, vicinanza e ringraziamento per chi lavora nelle corsie degli ospedali, spesso tra turni massacranti in un periodo difficile per tutti, ma soprattutto per il personale sanitario. La ricorrenza viene celebrata ogni anno nel giorno in cui nacque Florence Nighintgale, l'infermiera nata il 12 maggio 1820 e ritenuta la fondatrice delle Scienze infermieristiche moderne. "Questo lavoro non è semplicemente una tecnica - scrisse - ma un sapere che coinvolge anima, mente e immaginazione".

E proprio in occasione dell’anniversario della nascita della Nightingale, l’All England Lawn Tennis Club (AELTC) ha annunciato una serie di contributi per sostenere l’attività in questo periodo di pandemia da coronavirus. Ian Hewitt, presidente di AELTC, ha infatti annunciato che saranno devoluti in beneficenza 1,2 milioni di sterline. “Mentre viviano un anno senza il torneo, la nostra massima priorità continua a essere la salute di tutti coloro che contribuiscono alla crescita di Wimbledon e il nostro pensiero va alle vittime di questa pandemia che tante perdite e sofferenze ha causato. Crediamo fermamente che Wimbledon debba usare le sue risorse per aiutare chi è nel bisogno, in particolare in una crisi come questa”.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi