-

Quando Fabio rimontò due set a Rafa… Rivivi su SuperTennis le emozioni di New York

Per tutta la settimana la tv della FIT ripropone agli appassionati alcuni dei match più belli del ligure. Questa sera alle 22.30 tocca alla sfida con Nadal del 2015 andata in scena agli US Open

di Angelo Mancuso | 15 aprile 2020

Quante ne avevano offerte, Fabio Fognini e Rafael Nadal sempre in quel 2015… Quante storie, quante emozioni, quanti motivi per godersi quella rivalità nata per caso… E ora un nuovo motivo, una sfida da ricordare. Le due vittorie del ligure sulla terra, il bisticcio di Amburgo a causa del comportamento dello zio e coach Toni. Tutto alle spalle, passato. Si gioca agli US Open, sul cemento, tre set su cinque. Una vita, un mondo da interpretare e affrontare. Poi le suggestioni dell'immenso Arthur Ashe Stadium: prima che il match cominci, le telecamere beccarono Fabio mentre passava in rassegna gli spalti gremiti. Poi il capolavoro, un’impresa che entra nella storia del tennis italiano. Fabio demolisce Rafa rimontandogli due set di svantaggio: 36 46 64 63 64 dopo quasi 4 ore acciuffando i primi ottavi in carriera agli US Open. Lo fa a modo suo, esagerando: 70 vincenti (un’enormità) contro 30 dello spagnolo. “Sapevo che per batterlo dovevo rischiare”, ha sottolineato. In verità alla vigilia aveva detto: “Dovrò usare la criptonite…”.

Solo Federer prima aveva recuperato al maiorchino due set di svantaggio: nel 2005 a Miami. In quel 2015 Fabio aveva già battuto due volte Nadal a Rio de Janeiro e Barcellona, arrendendosi in finale ad Amburgo sempre sulla terra rossa. Il successo sul cemento di New York ha tutto un altro sapore per il contesto e il modo nel quale è maturato: si è visto un Fognini stratosferico. Con la “goduria”, così la definì lui stesso, di aver messo ko una leggenda del tennis nello stadio più grande del mondo, l’Arthur Ashe Stadium. Fabio si è preso la ribalta della Night Session: il sipario è calato quando a New York era piena notte e chi ieri mattina si svegliava in Italia e accendeva la tv non credeva ai propri occhi.

Una vittoria così la devi scolpire nella pietra e questa sera alle 22.30 SuperTennis la ripropone agli appassionati. Giusto restare a casa per l’emergenza coronavirus. Ma c’è modo e modo di farlo scegliendo gli appuntamenti giusti in tv. Lo sport fa una pausa, ma ecco il miglior modo per riempirla.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi