-

Davis Italia-Corea Sud: presentazione a Barumini

Oggi alle 11.30 primo atto ufficiale della sfida con gli asiatici: il villaggio nuragico di Su Nuraxi sarà teatro della conferenza stampa in vista del confronto con Hyeon Chung e compagni

15 gennaio 2020

Oggi, alle ore 11.30, presso i Nuraghi di Barumini, si terrà si terrà la conferenza stampa di presentazione dell’incontro Italia-Corea del Sud, valido per il turno preliminare della Coppa Davis 2020, in programma il 6 e il 7 marzo prossimo. La sfida si giocherà sulla terra rossa all’aperto del Tennis Club Cagliari. Interverranno tra gli altri il Presidente della Federazione Italiana Tennis Angelo Binaghi, il Sindaco di Barumini Emanuele Lilliu e il capitano della squadra azzurra di Coppa Davis Corrado Barazzutti.

Si tratta di una delle 12 sfide che qualificheranno alle Finals del prossimo anno in calendario dal 23 al 29 novembre alla Caja Magica di Madrid con 18 squadre al via suddivise in sei gironi (si qualificano ai quarti le prime di ciascun gruppo più le due migliori seconde). Già qualificate le semifinaliste della passata edizione (Spagna, Canada, Russia e Gran Bretagna) e Serbia e Francia cui sono state assegnate due wild card.

OBIETTIVO FINALS MADRID

Si tratta di una delle 12 sfide che qualificheranno alle Finals del prossimo anno in calendario dal 23 al 29 novembre alla Caja Magica di Madrid con 18 squadre al via suddivise in sei gironi (si qualificano ai quarti le prime di ciascun gruppo più le due migliori seconde). Già qualificate le semifinaliste della passata edizione (Spagna, Canada, Russia e Gran Bretagna) e Serbia e Francia cui sono state assegnate due wild card.

TC CAGLIARI PORTA FORTUNA

Gli azzurri sulla terra rossa del circolo di Monte Urpinu hanno giocato già cinque volte e vantano altrettante vittorie. Un sonoro 5-0 all’Ungheria (1968 con in campo Nicola Pietrangeli e Martin Mulligan), poi il 3-1 rifilato al Cile (1985 con Gianni Ocleppo, Francesco Cancellotti e Claudio Panatta). Quindi la straordinaria performance con la Svezia di Mats Wilander: un 3-2 ricco di spettacolo e tecnica con Paolo Canè a segnare indelebilmente il match del 1990. Risale al 2004, invece, il successo per 3-2 con la Georgia di Labadze (grazie ad Andreas Seppi, Giorgio Galimberti e Alessio Di Mauro). A chiudere nel 2009 la vittoria per 4-1 contro la Slovacchia con Fabio Fognini protagonista.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi